Esportazioni russe di armi in Africa: Mosca strategia a lungo termine

0
50

Le armi le esportazioni sono una componente chiave in Russia l’economia d’esportazione. Negli ultimi due decenni, Mosca ha intensificato i suoi rapporti con l’Africa e divenne il più grande fornitore di armi nel continente.

La Russia è stato fornitore di armi Rosoboronexport ha annunciato nel mese di aprile, per presentare il primo assalto barche in un paese dell’Africa sub-Sahariana. L’identità del destinatario non è aperto al pubblico. Ciò che è noto è: Dopo 20 anni, è il primo contratto di esportazione per la Marina russa-end prodotti in questa Regione. Anche se questo messaggio potrebbe non avere destato l’attenzione internazionale, questa nuova attività si inserisce in un modello: la Russia è costantemente al lavoro per guadagnare un punto d’appoggio in Africa e per espandere l’esportazione di partnership per le armi nel continente.

Una volta che un fornitore principale durante l’Era Sovietica, ha preso il ruolo della Russia, in Africa, dopo il crollo dell’URSS. Tuttavia, a partire dall’anno 2000, la Russia è di nuovo in aumento: negli ultimi due decenni, il paese è riuscito a diventare il più grande esportatore di armi in Africa. Secondo il database dell’International peace research Institute di Stoccolma (SIPRI), rappresentano attualmente il 49 per cento del totale delle esportazioni di armi in Africa alla Russia.

A partire dall’anno 2000, le esportazioni di armi verso la Russia, in Africa sono aumentate in modo significativo, soprattutto a causa della sempre più in aumento le esportazioni verso l’Algeria.

Russia focus sull’Africa

Fino ad oggi, Algeria rimane il più grande destinatario di armi russe in Africa, seguita da Egitto, Sudan e Angola. Secondo Alexandra Kuimova, ricercatore spese per il SIPRI – Dipartimento per le armi e militari, aumentato il numero di paesi Africani che l’acquisto di armi dalla Russia, negli ultimi decenni. Durante l’anno, acquistato il nuovo Millennio, 16 paesi Africani, armi russe, questa cifra è aumentata tra il 2010 e il 2019, il 21.

L’olio ricco di Angola dal 2015 e l’elenco dei destinatari di armi russe – soprattutto con aerei da combattimento ed elicotteri da combattimento. Il governo Angolano, a Luanda, ha avuto stretti legami con Mosca, Risalente all’URSS. Nel 1996, la Russia, l’Angola ha adottato il 70 per cento del suo debito, l’importo di cinque miliardi di dollari (al 4,56 miliardi di euro). Questo è principalmente a causa di un numero di crediti all’esportazione concessi da parte dell’URSS per l’Angola per l’acquisto di armi Sovietiche e attrezzature militari.

Nel nuovo Millennio, la Russia è stata, pertanto, per l’Angola è un evidente Partner per la conclusione di nuovi armamenti, le offerte: negli ultimi cinque anni, Angola, Algeria e Egitto è diventata la terza più grande in Africa cliente per armi russe. Altri fornitori a Luanda sono la Bulgaria, la Russia bianca, l’Italia e la Cina, ma la loro quota è bassa.

Una Situazione simile a quella con l’Algeria, il più grande importatore di armi nel continente Africano. A causa delle relazioni del periodo Sovietico, la Russia è stata in grado di garantire un monopolio sulle armi, e inoltre, Mosca ha adottato nel 2006, Algeria 5,7 miliardi di dollari di debito. Nello stesso anno, l’Algeria ha firmato un ulteriore Accordo, la Russia per l’acquisto di armi del valore di $ 7,5 miliardi di euro.

“I funzionari in questi paesi, Mosca dovrà considerare automaticamente a causa di Connessioni dall’Era Sovietica sullo schermo, e Mosca è stato in grado di mantenere la sua influenza in posizione verticale. In alcuni casi, come in Algeria, questo vi permetterà di debito; a volte da l’annuncio che consente di creare servizi di riparazione e produzione o manutenzione di strutture”, dice Paolo Stronski, un anziano dipendente della Russia e l’Eurasia programma presso il Carnegie endowment.

Nuovi mercati come parte di una Visione geopolitica

La Russia è un crescente interesse in Africa non è motivato solo dal punto di vista economico ma anche politico e strategico motivazioni. Russia Africa vede come un potenziale partner chiave nella sua Visione per un ordine mondiale multipolare.

“Meno Europea, meno TRANS-Atlantico e più focalizzato sulla potenze emergenti e le regioni”, dice Stronski. In questo contesto, la Russia ha anche stabilito Collegamenti a paesi come lo Zimbabwe e il Sudan, ha sottolineato.

Zimbabwe, dai primi anni 2000 e che le sanzioni finanziarie imposte dall’Occidente. Sotto l’ex Presidente, Robert Mugabe, è stata la violenza di stato, torture e omicidi di oppositori del Presidente responsabile. Nonostante la condanna internazionale contro il regime di Mugabe, la Russia ha continuato a essere sul lato dello Zimbabwe: Insieme con la Cina, è un mettere nel 2008, ha posto il veto al Consiglio di sicurezza dell’ONU della Risoluzione per un embargo sulle armi e ha criticato le sanzioni Occidentali. La Russia esporta un certo numero di Materie prime e prodotti finiti secondo Zimbabwe, di legno, e il grano, fertilizzanti di prodotti per la stampa, automobili ferroviarie, e di elettronica. Russia le importazioni, a sua volta, il caffè e il tabacco da Zimbabwe.

Le aziende russe sono anche interessato a diamante e la produzione di Oro nel paese in questione. Secondo Gugu Dube, ricercatore nel programma “le minacce Transnazionali e la criminalità internazionale” dell’Istituto per gli studi sulla sicurezza (ISS) in Pretoria, la Russia ha ampliato la propria attività nell’estrazione di materie prime come il Coltan, cobalto, Oro e diamanti in diversi altri paesi in Africa. In Zimbabwe, le aziende russe sono coinvolti in una Joint Venture per la Darwendale progetto – l’estrazione e la fusione è uno dei più grandi Depositi di metallo del gruppo del platino, la cui produzione è quello di iniziare nel 2021 previsto.

Le strategie di ricerca di nuove opportunità per la cooperazione

La Russia è stata, inoltre, nel 2019, il primo in Russia-Africa summit di Sochi, per approfondire le opportunità di cooperazione nel continente. Durante il vertice, il Presidente russo Vladimir Putin ha detto che “il rafforzamento delle relazioni con i paesi Africani, una delle priorità della politica estera russa”.

Un russo elicottero militare Mi-35P, emessa in Africa-vertice Russia nel mese di ottobre 2019 a Sochi.

Il focus del vertice di armi di negozi. Delegati africani sono stati invitati a mostre di armi russe: dal subsonici motore di Yakovlev Yak-130, il Pantsir sistema missilistico e di Tor M2KM surface-to-air missile sistemi di piccole armi, compresi i nuovi Kalashnikov AK-200 fucile d’assalto i motori della serie.

Questo mostra che la Russia vuole essere un rivoluzionario armi nuove tecnologie, ma piuttosto sul miglioramento dei modelli più popolari di imposta.

Questo include aerei, missili, carri armati, sistemi di difesa aerea e di artiglieria di appartenenza. Così solo, Algeria acquistato, per esempio, dal 2000 al 2019, circa 200 aerei, parti della Russia, tra cui elicotteri da trasporto, attacco di elicotteri e bombardieri e aerei da caccia. Diversi modelli di terra-missili terra-aria (SAM), destinati a distruzione di un aereo o di altri missili, sono stati ordinati dall’Algeria (ordini multipli, fino a 2000-2019), Burkina Faso, Egitto (ordini multipli), Etiopia, Libia e Marocco. L’Algeria ha anche ordinato serbatoi (per un totale di più di 500 Pezzi), così come l’Uganda (67 pezzi).

A buon mercato di armi – senza fare domande

A disposizione del pubblico dei documenti strategici della Russia, per esempio, la sua politica estera concetto, o della sua dottrina di difesa per essere definito da paesi Africani come instabile, per continente di appartenenza e alla luce delle attività di gruppi terroristici, in particolare nella Regione Nord Africana, come una minaccia di portata internazionale. Tali documenti sottolineare la Russia gli obiettivi, l’interazione con l’Africa per espandere sviluppando benefici del commercio e delle relazioni economiche e dei conflitti regionali e la prevenzione delle crisi supporta.

Questa persistente instabilità significa anche una continua domanda per le armi e per la Russia, l’Africa rappresenta un importante mercato di cui è venuto sanzioni senza frontiere, sotto Forma di economico, dopo l’annessione della Crimea da Ovest. L’Africa è il continente in cui la Russia su uno degli elementi chiave delle sue esportazioni: le armi possono spingere. Il commercio delle armi rappresenta il 39 per cento delle entrate della difesa russa settore.

“Armi russe sono buone. Questo è generalmente accettata. Armi russe sono anche più economici. Non c’è alcuna ragione per cui i paesi Africani dovrebbero non vuole comprare”, ha detto Irina Filatova, un Professore di storia a Mosca scuola superiore di Economia e Professore Emerito dell’Università di KwaZulu-Natal, specializzato in russo-storia Africana e relazioni.

In confronto ad altri importanti soggetti interessati sono tenuti in armi le transazioni con la Russia non c’è politico o condizioni dei diritti umani. In alcuni casi, la Russia è riuscita a chiudere il gap, Europeo o Americano, i fornitori e di sinistra.

Così, per esempio, 2014 governo sono stati accusati di soldati in Nigeria nella lotta contro Boko Haram violazioni dei diritti umani dei Sospetti. Successivamente, gli Stati Uniti ha detto consegna degli elicotteri d’attacco, anche se l’accordo è già stato firmato. Nello stesso anno, ha ordinato la Nigeria sei Mi-35M gli elicotteri d’attacco dalla Russia.

L’egitto è un caso simile: Dopo un colpo di stato militare nel 2013, gli Stati Uniti cominciarono a ridurre gli aiuti militari e armi consegne per il paese. Così, la Russia è stato offerto (insieme con la Francia, un altro il principale esportatore di armi) è una buona occasione: Mosca intensificato rapidamente, le armi le consegne in Egitto. Dal 2009 al 2018, il 31 per cento delle importazioni egiziane delle principali armi per la Russia rappresentava.

Durante una visita di stato nel mese di febbraio 2015 la Russia del Presidente Vladimir Putin (2 passate. da destra) e un Kalashnikov fucile come un dono per l’Egiziano Präsidentenal-Sisi (a sinistra).

Secondo Kuimova braccia estendere il business con la Russia, in Generale, rapidamente. Se un particolare paese ha bisogno di armi e la Russia, la Russia può offrire. Che ha anche a suo favore è la mancanza di pressioni della società civile, i gruppi, le vendite di armi per.

In Russia il settore della difesa è molto chiuso; la legge obbliga le aziende a relazione sulle esportazioni di armi in quanto tali, e di solito queste informazioni è coperto da riservatezza leggi dello stato. Una Generale mancanza di dati e di trasparenza, che ha portato ad una Situazione in cui i gruppi della società civile per il Monitoraggio del commercio di armi, semplicemente, non esiste.

Concorso per la Russia? Potenziale di crescita di armi Cinesi

Per il momento, la Russia sembra avere i suoi mercati di armi in Africa protetta. Gli esperti, tuttavia, il potenziale per la Cina per diventare un grande giocatore nella fornitura di armi per l’Africa. Attualmente, solo il 13 per cento delle esportazioni di armi alla Cina continente.

“La cina ha migliorato la qualità e quantità di ciò che si vende. Fanno anche di armi russe per il Reverse Engineering principio. A partire dal 2014, con la Russia a condividere sensibili tecnologia militare con la Cina come parte di approfondimento rapporto con il paese”, ha detto Stronski.

Kuimova aggiunge che la Cina è oggi in grado di produrre tutti i tipi di armi e di offerta. “La cina è in crescita, in generale, come un esportatore di armi e mostra un modello simile come la Russia, quando si tratta di fornire armi con un minor numero di condizioni politiche”, spiega.

Il ricercatore Filatov non vedere la Cina come una minaccia per la Russia come fornitore di armi in Africa, a tuo parere, il principale rimane concorrenti per le armi russe è la stessa: gli Stati Uniti e la Francia. Non definita interesse della Cina in Africa, soprattutto economicamente e dice che “la Russia non ha perso per il concorso in Africa, e in questo senso” – perché la Russia è economicamente in grado di offrire, ciò che essa può offrire alla Cina. Mosca, puntando, invece, l’Esportazione di materie prime naturali e la chiusura di negozi di armi. Per le Armi importatori è il cambio ad altri fornitori è costoso, in modo che la probabilità è alta che la Russia è in grado di assicurare nuove opportunità di business con le sue armi, gli acquirenti lontano nel futuro.