Africana dei diritti umani corte di giustizia dell’

0
40

La società civile in tutta l’Africa gioito, come i diritti umani istituito il tribunale, sulla base, in Tanzania, alla fine degli anni novanta. Ma ora il sogno rischia di fallire – che in molti paesi l’hanno a sinistra.

Tanzania, Benin, costa d’avorio: Entro sei mesi dei tre Stati, gli individui e le Ong sono stati privati del diritto di citare in giudizio voi prima che la corte Africana per i diritti umani e dei popoli (AGMR). Sei paesi sono solo a sinistra dove questo è ancora possibile.

Un tribunale senza un attore

Il AGMR era iniziato con grandi speranze. Nel 1998, una trentina di paesi preso alla corte sulla strada. Sei anni più tardi, ha iniziato il suo lavoro, le sue decisioni sono per gli Stati membri di associazione. Ma oggi, il tribunale per molti governi e l’Unione Africana (UA) non è più una priorità.

“Gli individui e le Ong sono attualmente gli unici che adire la corte Africana”, dice l’ex Vice AGMR-Presidente Fatsah Ouguergouz. “La Commissione Africana sui diritti umani e dei popoli ha, probabilmente, l’interesse, la corte, e i singoli Stati non sono pronti per questo”, così Ouguergouz della DW. Con altre parole: Il giudice semplicemente eseguire fuori dei casi.

Non assertivo

Ma non solo all’inizio, quindi prima di ogni processo di avvio, deve combattere la corte, con limitazioni. Alcuni Membri di bloccare qualsiasi tentativo di tribunale per far rispettare le decisioni. Per esempio, il Benin: C’era trasformato politico dell’opposizione, Sébastien Ajavon alla corte. Nel 2018, era stato condannato a 20 anni di carcere. Ajavon impugnata per essere di elezioni locali escludere è stato. Il tribunale ha ordinato di sospendere il voto, come lungo come il caso sarà esaminato. Tuttavia, essi hanno avuto luogo, come previsto, il 17. Alla fine di maggio. Come il paese aveva ritirato la sua Dichiarazione volontaria già. Un altro esempio: il 28. Nel mese di aprile un tribunale imposto in costa d’avorio, a 20 anni di reclusione contro Guillaume Soro, a causa della corruzione. Il AGMR aveva ordinato la sospensione del mandato di arresto contro Soro. In entrambi i casi, i governi si sono lamentati per il lordo di interferenza del “bene del paese” a rischio.

Tanzania governo, sotto la presidenza di Magufuli, qui in visita in Kenya, ha stabilito la cooperazione con la corte

La corte sta cercando, attraverso l’Unione Africana obbligatorio Norme di stabilire, in ordine a richiedere gli Stati ad attuare le sue decisioni. Perché finora, i risultati sono devastanti. AGMR-Amministratore delegato Robert Eno ha detto a DW: “Molti dei Membri, contro i quali la corte ha emesso sentenze o ordinanze, non hanno mantenuto.”

Meccanismo di controllo ha esito negativo

Quali sono le Alternative, in modo che cittadini Africani, se lo stato ti dà nessuna Possibilità di fare i loro interessi davanti a un tribunale? L’organizzazione per i diritti umani Amnesty International avverte che molti governi stanno boicottando solo il AGMR, ma anche per i tribunali locali di debolezza.

“L’Alternativa è dire alla gente: girare per la Commissione Africana sui diritti umani e dei popoli, la corte in modo indiretto,” dice Fidel Kikan del Benin sezione dell’organizzazione per i diritti umani Amnesty International. Perché possono inoltrare casi alla corte. Ma le opere in pratica, il cattivo: “sappiamo che, dei circa 300 casi che sono stati trattati in tribunale, solo tre hanno attraversato la Commissione. In questo modo funziona, quindi non particolarmente buona,” così Kikan a DW. La Commissione, che è una delle istituzioni dell’Unione Africana, potrebbe anche imporre sanzioni contro gli Stati che la corte ignorare le decisioni. Ma questa prerogativa, non ha mai fatto uso di esso.

Eppure, alcune persone si chiedono gli avvocati come Fidel Kikan: Gli stessi capi di stato e di governo, i ribelli in Africa contro una presunta subordinazione di piatti internazionali, hanno un momento difficile con i paesi dell’Africa Giurisdizione. “È sorprendente che i capi di stato, e con più o meno populista apparenze, come pan-Africano nido vantare di, a, per indebolire le istituzioni regionali.”

Piatti come la corte penale Internazionale si applicano ad alcuni governi Africani come un neo-coloniale strumenti

Voluto: La Volontà Politica

Anche dal punto di vista Dello avvocati stelle Ford Moyo, il Problema non è nel AGMR per te: “Il Problema è piuttosto la mancanza di volontà fra i capi di stato Africani, le forze dell’ordine a far rispettare, e per porre fine all’impunità”, dice Moyo, il Presidente, per la prima di due giudici associazioni della Regione – la Law Society of Zimbabwe e degli stati della SADC aderenti all’Associazione di Diritto.

Che i giudici rientrano tra i governi Africani fuori di favore, non appena si inizia dal loro punto di vista non graditi casi, tuttavia, non è un caso isolato: in aggiunta al AGMR, in particolare, la corte penale Internazionale (ICC) ha a combattere di nuovo e di nuovo, per. Come il portato L’Aia camera di indagini preliminari in Burundi, a causa di possibili crimini contro l’umanità il percorso, presentato a Est paese Africano con la sua uscita dal tribunale. In altri paesi, come il Kenya, considerato questo, nel frattempo. La CPI è in tutto il mondo, per molti anni, solo gli eventi di processo negli Stati Africani ci sono stati, tuttavia, in attesa. Questo è criticato in Africa, spesso questa critica vuole lasciare Moyo, tuttavia, non conte: “Dobbiamo festeggiare, piuttosto, invece di lamentarsi per noi ricevono attenzione da ICC. Questo significa che le risorse di questa corte, possono essere utilizzati per porre fine all’impunità nella nostra Regione”.

Dipendenti: Reliou Koubakin