Le statistiche degli incidenti: Corona salva la vita

0
43

Per anni, e il numero di persone che muoiono in Germania a seguito di incidenti stradali. La Corona-crisi, il valore ha raggiunto un minimo storico. Gli esperti avvertono, tuttavia, contro l’eccessivo ottimismo.

Sicuro per L’autostrada 96 in Baviera durante il lock down

Le Cifre pubblicate dall’ufficio Federale di Statistica a Wiesbaden, in Germania, questa settimana, parlano chiaro: dal momento che la riunificazione tedesca nel 1990, sono stati uccisi in un mese, un minor numero di persone in incidenti stradali rispetto a Marzo 2020. Un totale di 158 persone hanno perso la vita nel Marzo 2019, era stato 234 morti. Il numero di infortuni e di incidenti è diminuito rispetto agli anni precedenti.

Andreas Hölzel funziona come un traffico esperto per l’Associazione automobilistica tedesca ADAC, la più grande d’Europa di club, con sede a Monaco di baviera, in Germania. In un’intervista con DW, egli avverte, tuttavia, contro l’eccessivo ottimismo. Per lui, i Numeri più bassi sono principalmente dovute alle restrizioni della Corona-crisi: casa, ufficio, Blocco, e contattare le restrizioni avrebbe semplicemente portato significativamente meno persone erano in strada: “Noi crediamo che il numero degli incidenti aumenta, quando il traffico è tornato alla normalità. Attualmente, molte persone sono in molti settori non sono ancora al vostro posto di lavoro restituiti.” Questo traffico di influenzare gli eventi di forte. Inoltre, il popolo se ne andò anche attualmente meno.

I numeri sono in calo da anni.

Nonostante l’attenzione degli esperti, una cosa è indiscutibile: Anche prima del Corona-restrizioni aveva diminuito il numero di morti per incidenti stradali in Autoland Germania per anni resistente.

Questo sviluppo positivo può venire come una sorpresa a prima vista, perché a differenza della maggior parte degli altri Stati dell’Unione Europea ha alcun limite di velocità, in Germania. Su una strada con una striscia mediana e almeno due corsie per senso di marcia, un indicativo di velocità di 130 km/h. si applica solo

Si tratta ad alta velocità, gli incidenti di emergenza, spesso i medici non fare nulla di più

Tuttavia, preso dal 1970, tutta una serie di misure per migliorare la sicurezza stradale. Questo include l’introduzione del limite di velocità su strade di campagna, nonché l’introduzione di velocità di raddrizzamento. Anche il dovere, di una cintura in macchina e l’abbassamento del limite di alcool a 0,5 hanno portato al fatto che, in Germania, nel frattempo, meno persone muoiono. Di più di 20.000 morti nel mezzo degli anni 1970, in Germania Occidentale, da solo, il numero è sceso a poco più di 3000 in tutta la Germania.

In un confronto Europeo, il Regno Unito, la Danimarca e i paesi Bassi sono considerate particolarmente sicuro, Romania, Bulgaria e Lettonia, come particolarmente pericolosi.

Nonostante gli sviluppi positivi in tedesco trasporto su strada c’è ancora molto da fare. Andreas Hölzel dall’ADAC, che richiede, tra le altre cose, la Situazione del traffico partecipanti alla città in vista: “La concorrenza intorno la zona è una delle grandi sfide del nostro tempo. Questo è particolarmente vero per le aree Metropolitane.” In città c’è una gara tra automobili, trasporto pubblico, ciclisti e pedoni. Le strategie qui dovrebbe: “Ogni comune ha l’obbligo di sviluppare un concetto di mobilità.”

Pop-up piste ciclabili in Berlino

Medio termine, soluzioni potrebbe essere quella di incoraggiare più persone a passare alla Bicicletta, ha nelle scorse settimane, tutti a Berlino. Durante il Corona-crisi, tutta una serie di cosiddetti Pop è stato creato nella capitale-up dei percorsi ciclabili. La maggior parte con righe gialle e Baustellenbaken piste ciclabili sono stati creati, di solito con la riassegnazione della corsia di destra, o di un precedente Park striscia per le piste ciclabili.

È il turno del Coronavirus alla fine, quindi, anche l’acceleratore nel Traffico? Andreas Hölzel da ADAC qui è sul freno. Più i Tedeschi sarebbero tornati alla vita quotidiana, più problemi che sarebbe tornato di nuovo. “Sappiamo da un sondaggio che uno su quattro sarà, in futuro, di essere più propensi a camminare sulla strada. Uno su cinque vuole ottenere sulla tua moto.” Si potrebbe, tuttavia, presuppone che gli altri mezzi di trasporto continuerà ad essere utilizzato invariato. Un “in linea di principio, i cambiamenti nel comportamento di mobilità” non lo darà, così, dopo la corona di crisi, la sobria conclusione.