Invece di Dire a Bambini No, Dire Loro che Cosa Fare, Invece

0
42
LightField Studios/Shutterstock

Raccontare i vostri bambini, “No!” è senza dubbio utile, ma non sempre efficace. Più spesso che non, per dire loro cosa fare (invece di cosa non fare), si ottiene un risultato migliore. Ecco come.

Pensa a come ti senti quando qualcuno ti dice: “No, non farlo”. Probabilmente irritato, frustrato e confuso. Ci si potrebbe chiedere, “perché no?” Non è diverso per i bambini che stanno imparando a comprendere il mondo intorno a loro. Si potrebbe pensare, “Cosa dovrei fare, invece?”

Un approccio più efficace per guidare i bambini è quello di dire loro cosa fare invece di cosa non fare. Sembra semplice consulenza—e lo è—ma questo non significa che non è facile. Vogliamo interrompere i nostri ragazzi di fare qualcosa di sbagliato, e “no” è di solito il modo più rapido per comunicare che. Ci vuole uno sforzo cosciente per mettere in pausa e pensare a un modo positivo per istruire il nostro bambino a un comportamento appropriato. Ma fiducia in noi, a raccontare i vostri bambini, “questo” è più efficace di fare affidamento sul “no, non farlo”.

L’uso Eccessivo di “No” Indebolisce il Suo Effetto

Ragazzi ascoltate questa parola per tutto il giorno, imparando velocemente a sintonizzare fuori. Se ti dico di no, ma non riescono a offrire un’alternativa, sono inclini a continuare. Infatti, dicendo, “non toccare il mio telefono”, si rende il vostro bambino è più tentati di raggiungere fuori e giocare con il vostro telefono.

Forte negativo comandi, come no, stop, non, non è possibile, dovrebbe essere riservato per i casi estremi. Penso di vita o di morte situazioni, ad esempio quando il vostro bambino è in procinto di attraversare una strada trafficata, un tocco caldo della stufa, o afferrare un coltello dal bancone. Se usato con parsimonia, un potente “No!” dovrebbe smettere di un bambino nella sua tracce, pronto ad ascoltare. Se il vostro bambino è attualmente alza le spalle fuori qualsiasi comando negativo, come “Stop, non prendere al volo!”, allora potrebbe essere il momento di valutare il vostro uso di queste parole.

La linea di fondo: Udienza, “no” troppo spesso può creare la tensione accumulata, la confusione, il risentimento e ribellione.

Superare Audizione Selettiva con Brevi Indicazioni

Vi siete mai chiesti perché i vostri bambini non ascoltare quello che ti dicono? Beh, è perché non sono davvero in ascolto. I bambini sono completamente assorbiti in una sola idea, un progetto, un gioco o un giocattolo fino a quando il prossimo emozionante distrazione arriva. Quando vaghiamo lunghe comandi, si registrano solo un frammento di esso.

“No, non è possibile attraversare la strada per prendere la palla” diventa improvvisamente “via della croce” e “afferrare la palla.”

Provare a riformulare le vostre richieste a breve, comandi positivi. Per esempio, “Hold my hand. Attraversiamo la strada insieme” può essere percepito come “la Mano. Croce insieme.” Questo è molto meglio che il vostro bambino attraversando di corsa la strada per afferrare una palla da se stesso. A seconda dell’età del bambino e lo sviluppo, si potrebbe anche voler aderire ad un comando alla volta. Si potrebbe chiedere loro di tenere la tua mano, per esempio, e attendere fino a quando lo fanno prima di parlare di attraversare la strada o il recupero di palla.

Ricordate che i bambini rispondono meglio alle richieste che sono calmo, fermo e diretto. Evitare l’aggancio, urla o grida, come questo rende i bambini arrestare, rendendo più difficile per loro di sentire quello che stai cercando di comunicare.

Spiegare ad Impegnarsi Comprensione

LightField Studios/Shutterstock

I bambini imparano a usare il loro ragionamento e capacità cognitive di dare un senso a se stessi e al mondo. Spiegando il motivo per cui facciamo o non fare qualcosa che li aiuterà a capire le vostre richieste.

Per esempio, “Abbiamo bisogno di essere gentile con Sarah, perchè lei è un bambino” è perfetta per un bambino. Si può andare a dire, “a Lei piace un tocco di delicatezza. Mordere fa male. Cerchiamo di essere gentile.” In questa breve conversazione, hai spiegato che essere gentili è ciò che ci si aspetta con un bambino, che Sarah ama un tocco di delicatezza, e che mordere fa male. Bella concetti di base, ma ancora difficile per un 2-anno-vecchio per afferrare.

I bambini più grandi possono beneficiare di spiegazioni, così. Per esempio, “voglio che la pratica di guida durante la notte con me prima di prendere la macchina da sola. È perché la visibilità è più impegnativo di notte.” Hai proposto una soluzione e ha spiegato il perché. Questo è più facile per un adolescente di assorbire invece di sentirsi dire “No, non è possibile prendere la macchina stasera.”

È inoltre possibile utilizzare l’esecuzione di un racconto per spiegare e correggere il comportamento, invece di basarsi sul negativo comandi. Se il vostro bambino sta gettando cibo, considerare la possibilità di riportare quello che sta succedendo. “Wow, si sta gettando un sacco di cibo. Sembra che hai finito con la cena.” Quindi prendere il vostro bambino dal suo seggiolone. Lei è più incline a imparare che la causa e l’effetto con questo metodo, invece di una scattante, “No! Smettere di buttare il cibo!”

Si può anche provare, “Cibo rimane nel piatto. Non sul pavimento. Continuiamo il nostro cibo nel piatto.” Sempre spiegare cosa ci si aspetta e ciò che è richiesto. Questo guiderà i bambini per il comportamento desiderato senza farli sentire male o sbagliato.

Offrire Alternative per Reindirizzare i Comportamenti

I bambini, soprattutto quelli più giovani, sono facilmente distractible. Se il vostro bambino è disperato per giocare con il telefono (come molti neonati e bambini sono al giorno d’oggi), offrire loro un romanzo giocattolo che non hai mai giocato con un po ‘ di tempo. “Qui, si può giocare con questo.”

Impostare bambino-spazi sicuri a casa, dove i bambini possono giocare con qualsiasi cosa, in quell’area, senza che venga detto “no”.

Se il bambino chiede per il gelato, offrire un po ‘ di sano preferiti invece, spiegando che il gelato è salvato per le occasioni speciali, come feste di compleanno.

Se il vostro bambino è un biter, spiega che mordere fa male, e di offrire una dentizione giocattolo. “Si può mordere tutto questo si desidera. Ma cerchiamo di essere gentili con la sorella del bambino con le dita.”

Forse il vostro bambino è quando la cucina si accende durante la cena, il che rende difficile per voi per cucinare. Offrendo loro un interruttore della luce nel corridoio a giocare è una soluzione semplice e veloce, o una torcia si può accendere e spegnere, potrebbe essere ancora più interessante.

In gli occhi del bambino, un’alternativa è spesso altrettanto bene—a volte meglio dell’originale desiderato attività/oggetto.

Comprensione delle Proprie Emozioni Rende più Facile

Gettando capricci, di colpire, di essere frustrata, fa parte di un sano sviluppo. Questo è perché i bambini manca la maturità emotiva per esprimere i loro sentimenti in modo costruttivo. Invece, si gettano a terra, ti mordono, o si lanciano i loro giocattoli in giro.

Rispondendo ai loro capricci con rabbia dice loro che mostrare le proprie emozioni non è un problema (e che la rabbia è un valido strumento di comunicazione). Fate un respiro profondo, scendere al loro livello, e riconoscere ciò che sta provando.

“Vedo che sei arrabbiato e frustrato. Ho capito. Ma colpisce male. Proviamo ad usare le vostre parole, invece.” Da scavare in profondità nelle loro emozioni sottostanti, stai diventando loro di connettersi con ciò che si sente, invece di scagliarsi contro.

Poi dare loro opzioni da esplorare. “Che ne dici di chiedere un abbraccio che quando sei arrabbiato?” O, “io so che tu vuoi andare al parco ma piove fuori. Siamo in grado di leggere alcuni libri sul parco, invece.”

Imparare a rompere il riflesso naturale per gridare “No!” o dire ai nostri ragazzi di non fare qualcosa è difficile. Non sento male se si utilizza negativo comandi; esistono per un motivo. Ma provare a trovare delle opportunità di riformulare “no” e “non” in “si può fare questo, invece.” Più vostri figli con esempi specifici di comportamento accettabile, più disposte a seguire questo percorso.

E ricordate che non stiamo suggerendo che non si utilizza mai semplice negativo comandi. È solo che sono molto più potenti strumenti di quando usato con parsimonia.