La mia Europa: Il Virus, come una macchina del tempo

0
84

La pandemia ci mette in un mondo di ieri, piena di nostalgia, scrive lo scrittore bulgaro Georgi Gospodinov. Ma il passato non è mai innocente. Sono irto di pericoli politici.

All’inizio abbiamo detto che questo Virus sarebbe il mondo di ieri, non è più possibile. Tuttavia, siamo tornati improvvisamente in quel mondo. Come la gente di posti di ritorno, si deve lasciare. Come al tempo di mercenari provenienti da Svizzera, la misteriosa malattia di nostalgia sono stati attaccati, come erano lontani da casa. La malattia fu descritta la prima volta nel 1688 da un certo medico Hofer di Basilea come un chiaro fisiologico sintomi, che potrebbero anche portare alla morte: l’impotenza di febbre alta e stomaco crisi epilettiche, problemi.

Nel caso del nuovo Virus, prima ha parlato di sintomi come tosse secca, febbre, mal di gola, e mancanza di respiro. Un po ‘ più tardi, la perdita del senso dell’olfatto è stato anche in questa lista. Ma penso che ci sia un modo diverso, il non-ancora-Sintomo descritto, che fa parte del profilo di questo Virus. È una pungente nostalgia per il mondo di ieri. Il nuovo Virus è emerso come un Virus del passato. Quando si dice “il mondo di ieri”, il diario non è solo una metafora o un riferimento a Stefan Zweig con questo titolo. È anche, in senso letterale, per il mondo il giorno prima di oggi. In tutto il mondo un paio di settimane o mesi. Siamo abituati alla nostalgia per sentire qualcosa c’è stato molto tempo fa, per gli eventi e i luoghi della nostra Infanzia, per tempi lontani. Vorrei anche dire che un essere umano può sentire sincera nostalgia per le cose che non accadono mai. E a volte la nostalgia per il successo è ancora più forte. Anche questo, tuttavia, è stato modificato a seguito del nuovo Virus.

Isolamento nello spazio e nel tempo

Il paradosso è: Il mondo ci manca, qui, a livello locale. Quando guardo dalla mia finestra alla strada vuota e il piccolo bar all’angolo, mi sento acuta nostalgia, e potrei anche dire che il dolore, se il dolore ethymolog livello è una parte di nostalgia. Il dolore e la nostalgia di maggio, la me questa tautologia, a perdonare, a causa di un luogo che ho visitato solo un mese fa. E, cosa molto importante: a causa di un posto che non mi lascia qui, davanti ai miei occhi. Questo è qualcosa di diverso e nuovo. Il mondo non è andato, lei è qui davanti a noi. E ancora, ci sentiamo una dolorosa assenza, una dolorosa Mancanza di tutto il mondo. Così, come i polmoni che viene attaccato da questa malattia, sotto la carenza di ossigeno soffre.

Lentamente si inizierà a capire che non è solo l’isolamento in camera, ma anche nel tempo. Non solo di lasciare la stanza il mondo, ma anche il vostro tempo. Il corpo umano è costretto a vivere solo nella stretta presente, senza l’orizzonte del progetto di futuro. In un mondo normale, la gente vive anche in un prossimo futuro, progetti, appuntamenti, accordi, sono eccitati per ciò che è a venire. Tutto questo è improvvisamente più. Tutte le località sono state cancellate. Il futuro – eliminato.

Tutti passato il mondo

Che cosa ora? Solo il target luoghi del passato rimangono. L’uomo non è creato per vivere solo nella realtà del Momento. Se il nostro corpo è riservata ad un numero limitato di movimenti, le Paure dei nostri Interna (composta di pensieri, Desideri) è particolarmente inquieto.

Come faremo a vivere senza l’orizzonte in un prossimo futuro?

Si aggira per tutto il tempo. Il futuro è impossibile, ma ciò che abbiamo a portata di Mano, è tutto il passato del mondo. E, in particolare, della nostra storia. Che cosa è il mondo facendo in modo che in tempi come questi? Prendete i vecchi album di famiglia e si ribalta attraverso un Bianco e Nero foto. La Band “the Kinks” cantava una volta: “la Gente scattare foto di ogni altro, solo per dimostrare che sono realmente esistito” (persone di tiro a vicenda, solo per dimostrare che essi esistono realmente). Questo è un buon motivo. Dobbiamo fare in modo che questo mondo l’esistenza, e che eravamo in esso.

Stazioni TV mostra i vecchi film e spettacoli televisivi (quelli nuovi sono comunque non troppo presto). Canali di sport per un grande finale di Coppa del mondo. Ho intenzione di finale Argentina – Olanda, 1978, e mi ha improvvisamente in un dieci-anno-vecchio. Che è stato il primo gioco di calcio che ho visto con mio padre, e mi ricordo ancora la sensazione di essere l’adulto pari. Stavo cercando di infastidire me anche di più sul gioco sleale l’Argentino del team, e ha colpito con il mio piccolo pugno sul tavolo. Alla fine l’Argentina vince, siamo stati ancora una volta dalla parte dei perdenti di quello che è stato un po ‘ sorprendente quando si pensa di il mio bulgaro passato. I vecchi giochi di calcio da guardare, è più di un passatempo. È riportare i ricordi di esperienze perdute, perdute profumi, e le facce. Tutto in una volta passato inizia a crescere, il tempo non ha nicchie vuote. Probabilmente lo stato fisico del passato, liquida o gassosa. Che è il motivo per cui il passato a volte è così volubile, così lei si muove con molta facilità e riempie tutto.

Una seconda ondata di nostalgia

Questo Virus si rivelasse essere una macchina del tempo. Ricordiamo che il passato non è mai innocente. Non si sa mai come e quando alcuni politici Frankenstein potrebbe apparire, la promessa di un mondo nuovo, costruito sulla nostra nostalgia per la giornata di ieri. E lui promette di farci di nuovo felice. Precedenti ideologie legate al futuro, per legittimare se stessa, oggi, si fa riferimento sempre più spesso al passato. È il più semplice di legittimità, come firmare un assegno in bianco.

Il passato è buona per ricordare e raccontare, è pieno di storie e di persone, ma assolutamente vuota e spettrale, se cerchiamo, per vivere di nuovo in lei, o per ottenere altre persone a farlo. Dovremo cercare altri Ripari in tempo.

Inoltre, io sono in attesa di una seconda ondata di nostalgia, una nostalgia per questi due, tre mesi di quarantena, quando eravamo soli, e di sicurezza.

Traduzione dall’inglese: Dana Alexandra Scherle

Georgi Gospodinov (nati. 1968) è il più tradotto contemporanea scrittori bulgari. I suoi romanzi “Naturale romanzo”, e “fisica della malinconia”, così come i suoi volumi di poesia e testi sono tradotti in 25 lingue. Gospodinov ha ricevuto anche l’Centrale Europea premio letterario Angelus (2019) e Jan Michalski premio per la letteratura (nel 2016). Attualmente è assegnista presso il wissenschaftskolleg zu Berlin.