Perù: “Siamo colpiti – come un medico, e la gente”

0
32

Il Coronavirus-stato di emergenza raggiunto in Perù sulla drammaticità. Medici e infermieri sono spesso di fronte a decisioni difficili. Che il Paziente non ottiene un apparecchio di respirazione, quale?

“Nella Situazione attuale, si deve valutare globalmente cui il Paziente è in condizioni critiche potenzialmente curabile e che invece non è”, ammette il Dottor Gesù Valverde, Presidente della società Peruviana di medicina intensiva (SOPEMI) in un’intervista con DW.

Parla il cuore del Perù straziante situazione in alcuni ospedali, in particolare nella capitale Lima, a fronte di una significativa escalation di Coronavirus pandemia nel paese sudamericano. Valverde sottolinea che, in linea di principio, ogni Paziente deve essere curato, e, se necessario, l’ossigeno viene. Ma: “il Problema è che i posti letto su l’unità di cure intensive con appropriati dispositivi di ventilazione.”

Il volto di una carenza di terapia intensiva posti letto devono essere valutati, il medico le opportunità di tutti i pazienti. “Non c’è paese-ampia vincolante della Direttiva. Si tratta, per ogni singolo medico come si fa questa valutazione”, dice Valverde. Per questo scopo, il medico curante è controllato da una guida, conosciuto come il Punteggio APACHE II. Si tratta di un processo che la probabilità di Sopravvivenza dei pazienti di un reparto di terapia intensiva prevede.

La scarsità di risorse: Un medico con un paziente in Corona-unità di terapia intensiva in Lima

“Questo è l’unico Strumento che abbiamo per decidere sull’ammissione in unità di terapia intensiva. Quelli con la migliore prognosi sono in cima alla lista”, spiega. “Se non c’era un posto in terapia intensiva, è stato portato il Paziente in un altro Ospedale. Ma ora, nessuno ha più la capacità e la dobbiamo fare sul posto decisioni.”

I problemi strutturali del sistema sanitario

L’Uruguaiano sociologo Karina Batthyány evidenzia, quale morale e la pressione psicologica, i Medici sono in Perù. “Se, come nel caso del Perù, ad una situazione estrema, è sorta e si deve decidere, quali la scarsità di risorse sarà ripartito e per il quale, quindi la questione dei principi fondamentali su cui si fonda la società: il grado di solidarietà e di interdipendenza delle persone di fronte a vicenda”, dice il Direttore Esecutivo del Latin American Council of social Sciences (CLASCO). Nel caso di una valutazione seria, i Medici, avrebbe dovuto decidere in merito al diritto alla vita del paziente.

Per il sociologo Batthyány, la situazione diffusi negli ospedali, i fondamentali problemi strutturali. “Se si dispone di un indebolimento del sistema sanitario pubblico, i bisogni della popolazione, quindi questo è in situazioni di emergenza, ovviamente,” dice. Il servizio sanitario pubblico in Perù, era stato trascurato in passato, penalmente. “Gli ultimi governi hanno mostrato alcun interesse per il suo rafforzamento. Questa è la sua vendetta ora.”

La crisi mette in discussione i principi di base della società – di persone, capitale del Perù, Lima

Perù, con oltre 92.000 hanno Infettato dopo il Brasile, il paese con il più alto numero di COVID-19-casi in America latina. Oltre 2700 persone della malattia sono caduti finora le vittime. Il paese è stato travolto dalla pandemia completamente, il medico Valverde. “Il numero di terapia intensiva posti letto per 100.000 abitanti è di 2.3. Questo è molto al di sotto della norma. Idealmente dieci sarebbe. Questa carenza non è grave, ma è esistito per lungo tempo.”

Lezioni dalla crisi

Valverde è recentemente diventato un membro del Comitato di Esperti che consiglia il Peruviano Ministero della salute nel contesto della pandemia. Tra le altre ragioni, perché il governo non prende in considerazione le raccomandazioni dei Medici, è sufficiente, secondo l’esperto. Egli, inoltre, non è possibile quantificare esattamente quanti i pazienti arrivano a causa della mancanza di posti letto in rianimazione, ma ha confermato che la lista d’attesa è molto lunga. “La verità è che siamo come Medici e come persone. Siamo al limite delle nostre possibilità”, dice. “Siamo stressati e stanchi. Tuttavia, dobbiamo ancora guardare al futuro e di speranza.”

Batthyány sottolineato la necessità di rafforzare il sistema di sicurezza sociale in Perù, al fine di garantire un Minimo di protezione e prosperità. “La grande sfida in America latina è un concetto di bene comune per il ripristino”, dice. Tutto troppo ottimista? Batthyány in negativo. “Credo che questa crisi ha già lasciato dietro di loro Insegnamenti, ma, purtroppo, il prezzo di molte vittime.”