L’ungheria ha adottato discutibile Kulturgesetz

0
41

Con un nuovo Kulturgesetz vuole Ungheria Governo una maggiore Influenza sulla scena Artistica prendere. Dopo la massiccia ondata di Proteste è stata la prima Bozza di schultze, Artisti temono, tuttavia, ulteriori Restrizioni.

Attore del Trasformatore Teatro a Budapest durante un’Azione contro la Regierungspläne

Con una Maggioranza schiacciante ha Ungheria rechtskonservative Coalizione di governo, primo Ministro Viktor Orbán mercoledì mattina controversa Kulturgesetz adottato “la direzione strategica in Settori culturali da parte del Governo di garantire” deve. Dopo la massiccia Protesta popolare ungherese, di Cultura e di esponenti dell’opposizione come di Budapest, il nuovo Sindaco di Gergely Karácsony è l’originale Proposta di legge, ma solo attenuate adottato.

Il Progetto originale, all’Inizio di Dicembre è stato pubblicato, aveva, tra l’altro, l’Abolizione della nazionale di fondo culturale e la Circoncisione dei finanziamenti pubblici per indipendente Istituzioni culturali previste. Versamenti dovranno inoltre un diritto di partecipazione del Governo nella Nomina di Theaterintendanten essere accoppiato.

Le Proteste hanno dimostrato comunque di Effetto, la Legge, ma non a impedire

La decisa Legge toccato il Finanziamento delle Istituzioni culturali, anche se non così lontana come nell’originario disegno di Legge, in quanto la nazionale di fondo culturale rimane. Tuttavia, è Opportuno che le amministrazioni Locali Contributi statali per il Finanziamento dei Teatri chiedono, il Governo può, non solo il Pagamento del Sussidio a decidere, ma non in questo Caso, anche in caso di decisioni di impiego, di dire la loro. Il progetto di regierungsnahe Nazionale Kulturrat deve, inoltre, Raccomandazioni e Orientamenti Culturali pronuncia. L’Opposizione ha chiuso contro il nuovo Kulturgesetz. Molti Politici hanno protestato durante la Votazione in Parlamento, facendo nera Maschere davanti al Volto fermati.

Ungheria Cultura teme ulteriori Limitazioni

Che il disegno di Legge solo attenuate adottato, procura della Cultura ungherese un po ‘ di Respiro nel persistente “scontro culturale”. Gli operatori culturali, ma sotto Pressione. “Noi possiamo a questo Governo di non essere sicuro che non in alcune Settimane o Mesi più nitida Legge a venire”, ha detto Martin Boross, Direttore artistico del Teatro indipendente Stereoakt, mercoledì mattina, in una Conferenza stampa a Budapest, tra l’altro, il DW. “Si tratta di una collaudata Strategia del Governo, aspettando che la Situazione si è calmata, e poi ancora gravi le Modifiche legislative da adottare.”

Martin Boross durante la Conferenza stampa

Dopo la Notizia del disegno di legge avevano ungherese Artisti una Protestpetition adottato, entro pochi Giorni oltre 50.000 Ungheria hanno firmato. Lunedì sera avevano, inoltre, Migliaia di Strade di Budapest contro il Kulturgesetz dimostrato.

Kulturgesetz politici Rivincita?

Anche Budapest Sindaco Gergely Karácsony ha parlato contro il Progetto del Governo: “Se vogliamo la Libertà di Teatro di difendere, difendere anche la Libertà della Città”, così Karácsony. Egli accusò il Governo, inoltre, il Kulturgesetz sia una Rivincita per le numerose Sconfitte di Governo alle elezioni Comunali nel mese di Ottobre, in cui, tra l’altro, Karácsony, il presidente in carica di Budapest Sindaco del partito di governo del Partito Fidesz che sostituiva.

Anna Lengyel

Anche Martin Boross vede nel nuovo Kulturgesetz politico Vendetta. Inoltre è un ulteriore Passo da parte del Governo obiettivo di Integrazione di tutti i Settori della Società ungherese. Dopo che il primo Ministro Viktor Orban ha già il Panorama dei media, nonché per la Formazione e la Scienza sulla linea del partito portato, ho “l’Albero della Centralizzazione ora anche il settore Culturale raggiunto.” Il Governo ha avuto l’Iniziativa di un Caso di Molestie sessuali nel Katona di Budapest-József-Teatro fondato.

Artisti che guardano in Futuro incerto

Dovrebbero, come da molti Artisti previsto, in Futuro, tuttavia, gli aiuti di stato abolito io il massiccio Limitazioni per Ungheria vivace scena Culturale hanno temuto Anna Lengyel, Direttrice artistica del PanoDrama Teatro. Infrastrutture e Personale, allora sarebbe non pagato di più, favorendo in tal modo il Programma di attrazione perdo. Di cui soffro non solo la scena Culturale in sé, ma alla fine tutto il Pubblico. Martin Boross sottolinea, inoltre, che in ungherese Artista si è poi sempre più su Spettacoli all’Estero concentrarsi avrebbe finanziariamente a galla possibile.