Secondo il Modello di Beethoven: il Jazzfest Bonn 2020

0
72

Nella 250. Anno dopo la Nascita del famoso Classico mostra il Jazzfest nel luogo di nascita di Ludwig van Beethoven, il suo Spirito continua a vivere: l’Improvvisazione.

Per tutta Beethoven, anno del Giubileo attraverso tutto il mondo, Orchestra e Solisti diversi approcci per l’interpretazione della sua Musica al Giorno. Il Margine di manovra è infinito, esiste, però, all’interno di stretti Parametri: Infine, di giocare tutti gli stessi Voti.

Si dimentica spesso che i “classici” Compositori di Beethoven Tempo e, ancora prima, intensa improvvisato e che spontanea Ispirazione musicale spesso la Fonte del loro concorso Composizioni era. Questo vale in larga Misura per Ludwig van Beethoven stesso. La Improvisationspraxis, la prima, naturalmente, di Musica apparteneva, atrofizzati, ma vive in Jazz di oggi.

Questo Fatto storico che pone il Jazzfest di Bonn, nella prossima Stagione, al Centro del suo Programma.

Le interfacce tra i Generi

11. Anno di Esistenza, è la Festa di oggi 30 Concerti sparsi tra il 30. Aprile e il 30 giugno. Maggio 2020 si svolgono. Nei Programmi sono questa volta le Interfacce tra i Generi sondato circa da due giovani “classica” di Musicisti, il Violinista Tobias Feldmann e il Pianista Frank Dupree, che insieme Repertoirestücke con jazz Seitenblicken riprodurre. La Sera stessa si verifica, quindi, Dupree, con il suo Jazztrio e una Lavorazione di Beethoven quartetto per archi N. 32 di nuovo.

Frank Dupree

Più che jazz Seitenblicke porta il Pianista americano Richie Beirach, un Maestro dell’Improvvisazione, a cui piace anche la musica Classica, estrosa. Durante il Jazzfests entra in Bonn, insieme con il Sirius Quartetto e svolge la propria Beethoven-Lavorazione. Un altro Quartetto d’archi, l’Auryn Quartet, si riunisce con Roger Hanschel, un Membro della Colonia, Sassofono Mafia sul.

Anche se di Bonn Locali, come ad esempio la Cámara, in Casa di Beethoven, banca Popolare Casa e il Panificio più piccole, sono anche alcuni Nomi della Scena regolarmente le Sale si riempiono. Questo include il Norvegese Jan Garbarek, un’Icona sotto Sassofonista, già nei primi Anni Settanta, uno Stile che ha segnato.

Jan Garbarek

I più grandi Nomi mai

I due Nomi più noti tra i tedeschi Jazzern sono Klaus Doldinger (Artikelbild) e Till Brönner, e entrambi i Nomi decorare questa volta il Programma del Jazzfests. Doldinger Inizio – 30. Aprile è anche “International Jazz Day”. Qui vorrei il Direttore artistico del Jazzfestes, Peter Materna, la grande larghezza di Banda del tedesco Jazz originale e lascia l’ormai 83 anni, Decano del Telekom Bonn Forum con la sua Band leggendaria Passport subito dopo il Bundesjazzorchester da Nachwuchsmusikern giocare. Molti di Doldingers Composizioni – sono circa 2.000 – in Germania sono molto conosciuti, tra la colonna sonora della serie Televisiva “Scena del crimine” o la Musica del Film “La Barca” dal 1980. Per questo si gioca la Bundesjazzorchester regolarmente tutto nuove Composizioni come Auftragswerke.

Till Brönner

In un altro doppio concerto si verifica il maggior successo Trombettista tedesco Till Brönner con la sua Band, dopo una Riscoperta: L’ormai 21 anni, abita a Colonia Jazzman Simon Oslender pensava come un Prodigio. Doppelkonzerte sono il punto di riferimento del Jazzfests Bonn. Qui entrano noti e meno noti Artisti compatto, a circa un’ora di esibirsi. Spesso sono fortemente contrastanti Acts. Un’altra Caratteristica: La Festa è regolarmente completamente esaurito. Molti Visitatori provengono da Bonn e Colonia, alcuni, tuttavia, da lontano, anche da stati UNITI, così Materna.

Il Sassofonista Peter Materna, Direttore artistico del Jazzfests

Per molti è anche il Nome di Audacia, di conoscere durante il concerto dei Fratelli Luigi & Joachim Kühn, 90 e 75 Anni di età, è molto della Storia del Jazz dal 1940 vibrano.

Un altro Artista con forza di Trazione è il Pianista finlandese Iiro Rantala, nella Casa di Beethoven, una volta come solista che si verifica una volta insieme con il Quartetto Galatea, un classico Quartetto d’archi della Svizzera.

Seitenblicke e di programma Quadro

Classico è un Concerto dal Titolo “Beethoven Variations”, che si gioca di Christopher Dell, Christian Lillinger, Jonas Westergaard e Peter Evans. Un selbstbeschriebenes “Konzertspektakel” offre la Jazzrausch big band, dal Titolo “Beethoven’s Breakdown”. La Band ha avuto nell’anno Precedente un inebriante Apparizione all’Opera di Bonn; il loro Sound può essere considerata il “Jazz-Techno” descrivere.

Il Pianista Jazz Ila Rantala

Un dietro le quinte in corrente Jazzszenen Germania europei limitrofi, circa il Gioco di Mathias Eick Quintet dalla Norvegia o l’ha solo 20 Anni, polacca Bassistin Kinga Glyk.

Un Simposio sul Tema Improvvisazione e di un Percorso musicale nell’ex Bundesviertel in antica Capitale Bonn completano il Programma, il tempo di una borsa di studio speciale da BTHVN-Jubiläumsgesellschaft ricevuto.

Come Media partner del Jazzfests Bonn, la Deutsche Welle indietro di diversi Concerti e registrare il Download su queste Pagine offrono.