America latina: la Rivolta contro le Élite

0
65

Bolivia, Cile, Ecuador, Colombia: In tutto il Continente, si moltiplicano le Sozialproteste. La Disuguaglianza nei Paesi in rapida crescita, e molte Persone si sentono di una Politica che non rappresenta più.

Bruciore Barricate a El Alto, Bolivia (Archivbild)

In un tempo come il sudamericano Modello noto il Cile era relativamente insignificante Aumento di Metropreisen, una delle più grandi Proteste, dal Ritorno alla Democrazia, che avevano condotto. In Bolivia sono in cerca di una probabilmente truccato le elezioni Presidenziali e le Dimissioni e l’Esilio di Ex-Presidente Evo Morales due Blocchi spietato di fronte. In Ecuador doveva Presidente Lenín Moreno, all’Inizio di Ottobre, dopo gravi Proteste per la Soppressione dei Sussidi per il Carburante ritirare. E in Colombia hanno i Manifestanti al passato Venerdì (22.11) il suo disprezzo Disuguaglianza economica, la Violenza contro le popolazioni Indigene e gli Attivisti e la Corruzione dell’Aria.

Alla Ricerca delle Cause o forse anche un comune Denominatore consiglia di Ingrid Spiller, Referatsleiterin america Latina, Fondazione Heinrich Böll, alla Prudenza: “non Bisogna cadere nella Trappola di tutto un Pettine da taglio. In definitiva, sono le Cause, anche a livello locale condizionato, anche se è abbastanza Comune c’è: La Gente, con le loro Élite, sia economico che politico, molto insoddisfatto”, così Spiller nei confronti della DW. Le Élite in questi Paesi sono “completamente sollevato”, che avrebbero “insensibili, quello che la Gente in realtà umtreibt”.

Anche Filippo Kauppert, Capo dell’Ufficio della Friedrich-Ebert-Stiftung, in Bolivia, prevede una “forte Malcontento delle Popolazioni con le loro Élite politiche e la mancanza di Fiducia nei confronti dei Partiti politici”.

Evo Morales, Ex Presidente della Bolivia, trova Rifugio in Messico (Archivbild)

Il Continente latino-americano presenta nel Confronto internazionale, un elevato Livello di Disuguaglianza sociale su. Ma questa non è l’unica Causa delle Proteste. In america Latina si manifesta attualmente una profonda Diffidenza verso la classe politica, sia politicamente a sinistra o a destra.

È l’Ora della politica Outsider

Di solito è una Democrazia in Grado di Elettori scontenti nel Bacino di raccolta dei partiti di Opposizione all’interno del Sistema politico esistente. Perché questo sembra in america Latina non funzionare? “Si ha nella maggior parte dei Paesi della Regione, in Passato, il cambio di governo eletto. Cioè, democratica Canali sono stati per Protestwahlen, ad esempio la Vittoria di Estranei, come ad Esempio Bolsonaro in Brasile”, così Filippo Kauppert.

Anche in Bolivia guarda promozione di Disadattati, di un Modo completamente nuovo di promessa. Chi Hyun Chung, un rechtsgerichteter evangeliche Politico sudcoreano Discendenza era delle elezioni Presidenziali del 20 Ottobre come chance, ma, sorprendentemente, dopo tutto, il nove per Cento dei Voti e associazioni. Anche i politici locali Luis Fernando Camacho è stato poche Settimane fa, la maggior parte dei Bolivianern ancora del tutto sconosciuta. Con i Toni e l’ultra conservatore Slogan spinge ora con tutta la Forza Verso il Presidente.

Parteienkritik

“Molta Gente non crede più a mente che attraverso le Elezioni o il Lavoro in Partiti politici possono fare Cambiamenti. Il Malcontento è così in alto che nella Strada scarica”. Questo in via di Sviluppo che in america Latina, un Dibattito su di un principio di Crisi della Democrazia è riaccesa. “Credo di sì, che è ancora possibile, la Protesta e la Crisi in della Regione in materia di Meccanismi democratici di far fronte. Vorrei piuttosto di una Parteienkrise parlare, perché molte Persone non di più dei loro Partiti e dei politici Elite sentono rappresentati”, così Kauppert.

Ingrid Spiller rappresenta la Cultura democratica in molti Paesi dell’america latina in discussione: “Le Persone il permesso per Scelta, ma poi lo Stato ha una Politica, non gli interessi di tutti i Gruppi e Strati sociali ha servito”. In definitiva, si sarebbero altri potenti Einflussgruppen applicate, che poi la Politica dello Stato avrebbero definito. In america Latina ci sarebbero anche meno il Tipo di Programmpartei come in Europa, così Spiller. “L’america latina Parti sono piuttosto Interessenzusammenschlüsse e della Popolazione, in gran parte screditato”.

In Cile tenere le Proteste, nonostante Reformankündigungen del Governo (Archivbild)

La Domanda rimane, perché solo ora di questo immenso Dispiacere Treno si rompe, la maggior parte di una giovane Generazione che viene indossato, che non è una delle vecchie Dittature dell’america latina che ha vissuto. “In molti Paesi dell’america latina che negli Anni dopo la Democratizzazione degli anni’ 80 e Anni ’90, una nuova classe media nata”, analizza Filippo Kauppert, “e con essa anche la Speranza di un sociale più giusto e più democratico del Futuro. Questa classe media è anche la Caduta dei prezzi delle Materie prime e di altri Fattori, a loro economica Limiti”. Il Boom degli elevati prezzi delle Materie prime, l’Economia di molti Paesi della Regione e, di conseguenza, anche questa giovane classe media aveva rafforzato, è di nuovo abgeebbt, senza queste Persone il promesso stabile di Prosperità per avere.

Tendenza Globale

In Ecuador, il Cile e la Bolivia è il latin Protestfunke ultimo, Colombia per il passato. Venerdì scorso (22.11.) c’era nel Paese sudamericano le più grandi manifestazioni di massa della Storia recente della Colombia.

“Non si può dato che si estendono oltre la Regione. Di hong Kong, Libano fino all’america Latina, sembra nel proprio Mondo, un grande potenziale di mobilitazione per dare. Persone, che prima non sposati, o pensavano che non ci sarebbe comunque niente, e ora, sulla Strada per il loro Malcontento per dimostrare ancora politicamente di canalizzazione.” Kauppert ritiene che i social Media possono contribuire a una presa di Coscienza globale, come Problemi di Disuguaglianza e l’Ipocrisia politica Élite a creare. “Se è così, allora si dovrebbe fare anche con un Ampliamento delle Dighe in altri Paesi, aspettarsi.”