Il Giorno in cui cadde il Muro di Berlino

0
55

Il 9. Novembre 1989 anno mondiale della Guerra Fredda tra le Dittature e le Democrazie. La ritrovata Libertà ha portato alla Convergenza tra Est e Ovest, ma non a parità di Condizioni di vita.

Era il Simbolo della Divisione del Mondo tra Est e Ovest, per la Lotta tra Comunismo e Capitalismo nel 1961 dittatoriale, governarono la Repubblica Democratica Tedesca (DDR), ha costruito il Muro di Berlino. La Parte occidentale era di 155 Chilometri di Sperranlage di Cemento e filo Spinato, circondato, ma comunque permesso alle Persone di spostarsi liberamente ovunque vengono. Berlino ovest era, quindi, un’Isola di Libertà in mezzo al Campo comunista della DDR.

È rimasto invece per la stragrande maggioranza di tedeschi dell’est così vicino Occidente per Decenni un irraggiungibile Sehnsuchtsort. Tutto cambiò, la Sera del 9. Novembre 1989, dopo un live trasmessi in Tv la Conferenza stampa a Berlino Est, un nuovo Reisegesetz è stata annunciata. Di conseguenza anche un Viaggio in Occidente permette di essere da subito!

Auto-Colonne DDR Marchi “Trabant” e “Wartburg”, il famoso alleati passaggio di Frontiera “Checkpoint Charlie”

Le Immagini giubilante Persone aperte di Berlino fece il giro del Mondo. Selezionati in Modo toccante l’effettiva Fine della Divisione della germania. Poco meno di un Anno dopo, il 3. Ottobre 1990, ha festeggiato il dalla Fine della Seconda Guerra mondiale, politicamente divisa Paese la sua Riunificazione. È stato possibile questo welthistorische Evento ma solo perché le quattro potenze vincitrici erano d’accordo: i democratici Occidentali, stati UNITI, regno Unito e Francia e i comunisti dell’Urss (Unione delle repubbliche Socialiste Sovietiche).

Parole magiche “Glasnost” e “Perestroika”

Fondamentale erano le Concessioni che nel 1985 al Potere venuta sovietico Riforma-Comunista Mikhail Gorbaciov ha fatto. Così la pensa anche il Direttore del Memoriale del Muro di Berlino, Axel Klausmeier. Gorbaciov Politica di Trasparenza (Glasnost) e della Ristrutturazione (Perestroika) era una Rottura con il cosiddetto Breznev-Dottrina, che aveva dettato, che nel “Patto di Varsavia” organizzazione delle Nazioni europee e non dal Corso di discostarsi, il Cremlino a Mosca, fingendo.

Audio ascolta 09:13 Parti

La storia della caduta del muro

Inviare Facebook Twitter google+, Tumblr VZ Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/3SI2C

Axel Klausmeier: “grande Paura”

Klausmeier riassume la Fine del Dogma riassume in una Frase: “non Importa che cosa il socialista Bruderstaaten succede, questi Stati sono responsabile di se stesso”. Diversamente, nei Decenni precedenti, passi, i Sovietici non più, come in Polonia, Ungheria o della DDR, la richiesta di Riforme democratiche sempre più forte è stato. Prima dell’Era Gorbaciov erano tutti Freiheitsbestrebungen nel cosiddetto blocco orientale dell’Urss brutalmente abbattuto stato: nel 1953, nella DDR, nel 1956 in Ungheria e nel 1968 in Cecoslovacchia.

Polonia rompe il Monopolio di

Attivista per i diritti civili in tutta l’europa Orientale si sono sentiti incoraggiati, anche nei loro Paesi Glasnost e Perestroika a spingere. In Polonia c’era già dall’Estate del 1988, i Contatti tra la Leadership comunista e che non è ancora ufficialmente proibita movimento Sindacale Solidarnosc. Una Tappa importante in questo Percorso sono stati i polacca, nel Giugno 1989, che per la prima volta di opposizione Candidati sono stati autorizzati a partecipare. Tuttavia, lasciati per Decenni dirigente Dirigenti in anticipo di quasi due Terzi dei Seggi per assicurare.

Anche in altri Paesi, si sono moltiplicate le Note a una svolta epocale. In Ungheria il Governo aveva già nel mese di Maggio ha iniziato la Sorveglianza al Confine con l’Austria per ridurre. In tal modo la Strada per la Libertà a questo anello di congiunzione tra l’europa Orientale e l’europa Occidentale meno pericoloso. Centinaia di Cittadini della RDT tornarono quindi in questo Deviazione della loro Patria, la Schiena.

 

Lipsia, 9. Ottobre 1989: 70.000 Persone dimostrare pacificamente per le Riforme nella DDR

Contemporaneamente, si rifugiarono nell’Estate del 1989, molte Migliaia, effettuando l’Accesso tedesche Botschaftsgebäuden nei Paesi dell’europa orientale hanno visitato. La rabbia cresceva ogni giorno e, di conseguenza, la Pressione sul Regime di Berlino Est. A partire da Settembre, nella Città di Lipsia, il lunedì decine di migliaia di Persone su Strada. Come Culmine, vale il 9. Ottobre, di 70.000 Persone pacificamente per i Cambiamenti nella DDR, hanno protestato.

“Abbiamo vinto”

In Sprechchören scandivano di “Noi siamo il Popolo!” e “Non Violenza!”. Perché non si sapeva come il Regime avrebbe risposto, sia la Paura di “enorme” stato, sa di Berlino Monumenti-Direttore Klausmeier di molti Testimoni. Ma questa Dimostrazione non è intervenuto è stato, ho anche l’Opposizione avuto la Sensazione: “Abbiamo vinto”.

Il 9. Novembre è arrivato: Günter Schabowski, Berlino Est, Capo della Staatspartei SED (partito Unico Socialista di Germania) ha annunciato un nuovo Reisegesetz. Ha risolto in modo che, se in questa Forma voluta o non, la Caduta del Muro di Berlino, dalla. 30 Anni dopo, non sono ancora tutte mentale Muri da superare. Le Condizioni di vita tra Est e Ovest, ci sono ancora grandi Differenze.

4. Novembre 1989: A Berlino, Alexanderplatz dimostrare mezzo Milione di Persone contro la DDR Regime

Per raggiungere i Salari nei nuovi Länder, secondo l’ultimo rapporto Annuale sullo Stato dell’Unità tedesca, in Media, l ‘ 82 per Cento del Westniveaus. Emigrazione e di Natalità hanno nei nuovi Länder, per Carenza di personale qualificato e di Invecchiamento della Popolazione. E c’è ancora nessun ostdeutsches Aziende nel Börsenleitindex DAX-30 quotati.

L’ex Est Incaricato del Governo federale Iris Gleicke spiega perché molti della germania dell’est, ancora come Cittadini di seconda Classe, di sentire: “Tutte queste Promesse di lussureggianti e Paesaggi in pochissimo Tempo hanno fatto sì che in germania orientale, l’Impressione è che va tutto molto in fretta. La Delusione che dura più a lungo, opera fino ad oggi.”

Ciò che rimane è il Ricordo di una Rivoluzione pacifica e una storica svolta epocale. Il presidente della confederazione, Frank-Walter Steinmeier, ha personalmente in caso di Mikhail Gorbaciov ringrazia. In una Lettera all’ex Presidente dell’unione Sovietica e premio nobel per la pace, scrive: “Il Miracolo della pacifica Riunificazione sarebbe senza i coraggiosi e Decisioni umane, che in quel momento hanno preso, non sarebbe stato possibile.“