Mostra di Gropius Bau di Berlino, mostra il Potere di vecchi e nuovi Muri

0
36

L’affascinante Mostra “Attraverso le Mura“, il Gropius Bau di Berlino, 30. Anniversario della caduta del muro di Riflessione su Temi come la Separazione, Scissione e Populismo.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Mona Hatoum: “Waiting is Forbidden”, 2006-2008

    “In attesa proibito” è in arabo e inglese, il blu del Cartello stradale. È un Avvertimento per tutti gli Emarginati, se i Senzatetto o – come nel Caso dell’Artista stessa – Geflüchtete. L’Opera affronta la loro Esperienza personale, dopo che, a causa della guerra Civile libanese, dopo Londra, dovuto emigrare.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Gustav Metzger: “In Memoriam”, 2005

    Macellaio Scultura occupa di Storia ebraica Geflüchteter e collegato a tema con la Situazione attuale dei Rifugiati in tutto il mondo. I Visitatori possono Labirinto di Cartone prima facilmente entrare, fino a quando il Passaggio è sempre più ristretto e il Passaggio, infine, completamente bloccato.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Michael Kvium: “Beach of Plenty”, 2017

    Il Dipinto mostra a prima Vista, un Paradiso per le vacanze. Ad un secondo Sguardo, ma è chiaro che la Spiaggia un Gommone si avvicina. Una Persona è anche sul Bordo di andata e chiama Aiuto. La Discrepanza tra spensierata, i Turisti e gli Sfollati, che qui si incontrano, è visibile. Il Mediterraneo funge da linea di Confine tra queste contrastanti Realtà.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    José Bechara: “Ok, Ok, Let’s Talk”, 2006

    50 tavoli in legno, in Parte leggermente inclinata, in questa Plastica collegati tra loro. Degni di due, di fronte eretta e Sedie. Il Lavoro evidenzia la Difficoltà di Comunicazione interpersonale, che si formano quando le Intenzioni del nostro interlocutore, rimangono irrisolte. Il dialogo è impossibile. Il Lavoro richiede uno Scambio.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Tagreed Darghouth: “Visione Machines; Shall You See Me Better Now?”, 2019

    La Serie “Visione Machines” libanese Artista Tagreed Darghouth mostra Telecamere, Droni, Satelliti e altri Dispositivi per il Monitoraggio possono essere utilizzate. Si esprime così la Critica alla Società moderna, in cui i Cittadini attraverso il Controllo costante limitato e sotto Pressione.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Dora Garcia: “Two Planets Have Been Fronti for Thousands of Years”, 2017

    In questa Performance agiscono sia Attrici, come anche Visitatori e varcano Segni sul Pavimento. L’Installazione di seguito viene illustrato come il metaforico Mura che ci di Persone nel nostro Ambiente separare, e vuole migliorare la Comunicazione tra di loro chiamare.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Anri Sala: “1395 Days without Red”, 2011

    Il Film affronta il tema del iugoslava di guerra Civile e l’Assedio della Città di Sarajevo, nel 1992, ha iniziato quasi quattro Anni di sventura. Il Trauma degli Abitanti e il loro Tentativo, la Vita quotidiana in Città, di proseguire, di essere trattati.

    Autrice/Autore: Anna Ellbracht


  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Mona Hatoum: “Waiting is Forbidden”, 2006-2008

    “In attesa proibito” è in arabo e inglese, il blu del Cartello stradale. È un Avvertimento per tutti gli Emarginati, se i Senzatetto o – come nel Caso dell’Artista stessa – Geflüchtete. L’Opera affronta la loro Esperienza personale, dopo che, a causa della guerra Civile libanese, dopo Londra, dovuto emigrare.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Gustav Metzger: “In Memoriam”, 2005

    Macellaio Scultura occupa di Storia ebraica Geflüchteter e collegato a tema con la Situazione attuale dei Rifugiati in tutto il mondo. I Visitatori possono Labirinto di Cartone prima facilmente entrare, fino a quando il Passaggio è sempre più ristretto e il Passaggio, infine, completamente bloccato.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Michael Kvium: “Beach of Plenty”, 2017

    Il Dipinto mostra a prima Vista, un Paradiso per le vacanze. Ad un secondo Sguardo, ma è chiaro che la Spiaggia un Gommone si avvicina. Una Persona è anche sul Bordo di andata e chiama Aiuto. La Discrepanza tra spensierata, i Turisti e gli Sfollati, che qui si incontrano, è visibile. Il Mediterraneo funge da linea di Confine tra queste contrastanti Realtà.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    José Bechara: “Ok, Ok, Let’s Talk”, 2006

    50 tavoli in legno, in Parte leggermente inclinata, in questa Plastica collegati tra loro. Degni di due, di fronte eretta e Sedie. Il Lavoro evidenzia la Difficoltà di Comunicazione interpersonale, che si formano quando le Intenzioni del nostro interlocutore, rimangono irrisolte. Il dialogo è impossibile. Il Lavoro richiede uno Scambio.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Tagreed Darghouth: “Visione Machines; Shall You See Me Better Now?”, 2019

    La Serie “Visione Machines” libanese Artista Tagreed Darghouth mostra Telecamere, Droni, Satelliti e altri Dispositivi per il Monitoraggio possono essere utilizzate. Si esprime così la Critica alla Società moderna, in cui i Cittadini attraverso il Controllo costante limitato e sotto Pressione.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Dora Garcia: “Two Planets Have Been Fronti for Thousands of Years”, 2017

    In questa Performance agiscono sia Attrici, come anche Visitatori e varcano Segni sul Pavimento. L’Installazione di seguito viene illustrato come il metaforico Mura che ci di Persone nel nostro Ambiente separare, e vuole migliorare la Comunicazione tra di loro chiamare.

  • Più attuale che mai: La Mostra “Attraverso le Mura”

    Anri Sala: “1395 Days without Red”, 2011

    Il Film affronta il tema del iugoslava di guerra Civile e l’Assedio della Città di Sarajevo, nel 1992, ha iniziato quasi quattro Anni di sventura. Il Trauma degli Abitanti e il loro Tentativo, la Vita quotidiana in Città, di proseguire, di essere trattati.

    Autrice/Autore: Anna Ellbracht


I muri sono repellente. Muri che separano. I muri devono politicamente intimidire, come il Presidente degli stati UNITI Trump populista, postulata Recinzione del Messico. E i Muri possono essere la Morte, come il Muro di Berlino, a più di 140 Persone persero la Vita, spesso mirati Todesschüsse delle Truppe di frontiera della RDT.

I muri come mostruoso Mostro

Mostruoso e profondamente Inumano di Mura, Artisti di sfida e di dure Accuse di cambio. Ma c’era anche Azioni come la prima “Mauermaler” Thierry Noir e Kiddy Citny, che ancora nel 1980-Anni “di Berlino con l’Arte includere” volevano e il Muro in modo che – volenti o nolenti – qualcosa di Umano solo.

L’empatia carri: Il Curatore Till Fellrath

Anche ora, inaugurata la Mostra”Attraverso le Mura” è questa Ambivalenza sentire. 30. Anniversario dell’Apertura del Muro di Berlino tenere il Tifo e Weltzuversicht, la caduta del Muro di berlino come evento mondiale ha avviato, nei Limiti. Invece della Fine della Storia, come fu per il Politologo americano Francis Fukuyama, con la Vittoria del Liberalismo politico, ha segnato vide prendere un sacco di Persone esattamente il Contrario è vero: il proseguimento della Storia della Scissione, i Populisti incrollabilmente portare avanti, perché ne traggono beneficio.

Questa pessimistica Visione del mondo, in molti Lavori evidente in cui si 28 Artisti, in particolare Modo con la Presenza fisica dei Muri e le Conseguenze per le Persone colpite da affrontare. E ancora: Sempre di nuovo, si tratta anche di come la Divisione e la Divisione può essere superata.

L’empatia e le Emozioni

Per le parti di Artisti, pertanto, non è uguale disperati, gli Ottimisti sono il Curatore Till Fellrath nei confronti della DW chiaro: “Tutti gli Artisti hanno personalmente con Muri o Confini, in qualsiasi Forma e di vissuto. La Forza dell’Arte si trova nel fatto che l’Empatia può sviluppare.” Non si può pretendere che il Mondo forse non cambiare. Ma ognuno deve fare uno sforzo, all’Empatia e una volta un altro punto di vista, di assumere, aggiunge Fellrath l’idea di aggiungere.

Un Muro di Silenzio? L’Installazione di José Bechara

Una Prima vieldiskutierte Lavoro del Rio viventi José Bechara conduce l’esemplare prima. In “Ok, Ok let’s Talk” , ha 50 tavoli in legno collegati tra loro. A tratti lascia declinante Superfici nel Vuoto la corsa. In due Punti emergono vuoto Stuhllehnen verso l’alto. Sono per le Frazioni e i Limiti di Comunicazione, o meglio, il Tentativo di un Dialogo? La Questione può ogni proprietario di rispondere.

Già univoco, c’è la proiezione cinematografica “Shadow Play” (il nostro Artikelbild), i richiedenti l’Asilo in Svizzera. A New York vivi Javier Tellez ha come Protagonisti un teatro di Ombre creato, ti lascia con le Mani Storie di Espulsione e di Esclusione, da raccontare. Improvvisamente è poi “La Main” (“La Mano”, 1947) per vedere una Scultura di Alberto Giacometti, dalla Guerra mondiale-Ricordo della sua Fuga da Parigi fuori che ha creato. Lo sradicamento e la Violenza sovratemporale di Esperienza e di Minaccia.

Minaccioso Schiaffi

Muri di ogni Tipo di condanna dell’Artista libanese Siska, qui prima della sua Installazione nel Gropius Bau

In altro Modo, andare in un Video-Loop del 1977 prodotte Performance “Light/Dark” di Marina Abramovic e Ulay a Confronto. La Coppia schiaffeggia alternativamente e senza Interruzione. Incapace di Comunicare e Compromessi insistenza entrambi proprio Punto di vista, la corsa contro il Muro invisibile dell’altra.

Di invisibile, “latenti” Mura racconta anche una Videoinstallazione dell’Artista libanese Siska. “Latente border(s)” è un Due Canali Filminstallation in una cabina nero Tunnel. Immerso in un Collage di Interviste e Stadtgeräuschen da Beirut, Berlino, intuisce che il Film non è visibile solo all’linee di divisione in due Città, ma anche le attività, ancora non fisici, Divisioni. Come in molti altri Ausstellungsexponaten si riferisce anche Siska su religiosi, politici, sociali o etniche Esclusione sociale.

Ovviamente la Mostra non del Muro di Berlino, anche finita. Non è solo nelle Menti dei presenti, ma anche fisicamente non è indispensabile, si alzò ma vicino al Gropiusbau, di cui oggi rimangono Resti di mura testimoni. Con aria interrogativa, osservatore, ma non spaventato, è lo Sguardo della Ragazza, che Sibylle Bergemann in Wendetagen contro il Muro in Bernauer Strasse, ha accolto. Bergemann è stato probabilmente il profilierteste Fotografa della DDR, famosa per le sue fotografie di moda, in rivista Femminile “Sibilla” è apparso, ma apprezzato anche per Lavorare, il loro malinconico, poco ideologico punto di Vista sulla vita Quotidiana della DDR originale. Le sei Fotografie sono molto sensibile Sismografo di quel Tempo.

Interrogante Sguardi: Le Fotografie di Sybille Bergemann tradito molto sull’Umore per tempo virata

Trasparente Mura

Molte delle opere esposte sono affascinanti e suggestivi di Approcci al Tema del Muro. Un punto Culminante è sicuramente l’Installazione del New York Fred Sandback. Nel 2003 i morti Artista ha lasciato nel suo Album di schizzi Informazioni per “Scultoree Studio”, che ora per la prima Volta è stato realizzato. Nero Acrylgarn durchspannt deckenhoch un intero spazio Espositivo. Chi entra, si percepisce quasi fisicamente spaziali Proporzioni, il Filato sperimentabile fare. Il imaginierte diventa Spazio reale. Opacità e Trasparenza trasmettere ma anche la Fiducia che i Muri sono superabili. L’Utopia, da Muri di andare, diventa improvvisamente Realtà.

La Mostra “Attraverso le Mura” è fino al 19. Gennaio 2020 Gropius Bau di Berlino.