Città di Soest a lottare per ricordare il Periodo Nazista

0
42

Se i Muri potessero parlare, cosa direbbe – e deve – raccontare? In Caso di ex-Baracche-Complesso del Nazismo fa, la Città di Soest difficile. Perché in quel Luogo si sovrappongono numerose Storie.

La Città di Soest, circa 50 Chilometri a est di Dortmund, è situato regno medievale e hanseatischer Storia. Le case a Graticcio e le splendide Chiese e Mura della città dal 12. Secolo sono una grande Attrazione turistica. A soli cinque Minuti di auto all’interno di queste Mura si trova un parcheggio con Area grigia, fianco a fianco accodato Edifici. L’Abbandono del Complesso smentisce la sua Importanza storica di tempo, iniziato con la Costruzione per i Nazisti.

Una piccola Lavagna indica un Edificio ex Caserma per belga Soldati durante i Decenni della Guerra Fredda. L’antica e Caratteristica nel Tetto della stessa Casa presenta niente: una Cappella con pareti pitture Murali, dipinti francesi Prigionieri di guerra durante la Seconda Guerra mondiale. La Cappella è oggi, come un Memoriale per le Vittime del Regime NAZISTA, sotto il Monumento.

I Murales, in francia, Cappella, dipinto nel 1940 da due francesi Prigionieri di guerra

Disputa la Ponderazione degli Eventi storici

Negli ultimi Anni la Città di Soest, accanto alla Cappella di un organo permanente di un Museo. Si sono, di base in Disaccordo su come il Museo proprio a ricordare. Perché la Storia dei francesi Prigionieri è solo una di una Serie di importanti Eventi, che qui si svolgevano e per la Storia della Città in 20. Secolo significativo.

Un Ruolo importante è stato svolto un Organizzazione senza scopo di lucro denominata “Geschichtswerkstatt Francese Cappella” (VETRORESINA). Dal 1997 cura i volontari, la Cappella, la ricerca sulla Vita di Ufficiali francesi e di altri Kasernenbewohner. Inoltre, i Visitatori attraverso la Cappella, tra loro Discendenti degli ex Prigionieri di guerra. Tra di loro c’è Pierre Laurent, il QCS ha invitato: Sia suo Padre e suo Zio erano durante la Seconda Guerra mondiale, nel Soester Complesso preso è stato mantenuto.

Pierre Laurent, ha frequentato la Soester Cappella con la sua Donna France. Suo Padre e lo Zio erano lì detenuti.

Vissuta La Storia Di Famiglia

“Mio Padre non ha praticamente mai parlato, quello che ha in questo campo ha subito”, dice Laurent di DW. “La nostra Visita nel mese di Maggio, in Caserma è stato per noi particolarmente commovente, perché abbiamo molte Cose da scoprire, di cui noi non siamo a conoscenza.” Anche la Solidarietà da parte della VETRORESINA e il Modo in cui, come per la memoria dei francesi Prigionieri cura di, lo avrebbero toccato.

Le Esperienze francesi Prigionieri di guerra, è poco conosciuto. Come Laurent Padre e lo Zio lingue molti Prigionieri dopo il Ritorno in Famiglia di rado le loro Esperienze, e i Ricercatori della Seconda Guerra mondiale, in particolare su quelli della Guerra si è concentrata tra i Nazisti più sono stati soppressi.

“Illuminano tutta la Stanza”

Originariamente era il Desiderio della VETRORESINA, che la messa a Fuoco del Museo solo sulla Cappella e francesi Prigionieri di guerra, per l’italiano-francese a rafforzare i Rapporti. Con questa Specializzazione sarebbe Soester Museum, il primo del suo Genere in Germania. La Città ha deciso, tuttavia, la Storia belga Truppe durante la Guerra Fredda, qui erano stanziate coinvolgere.

Ulrike Gilhaus, Responsabile del Museumsamtes del Landschaftsverbands Westfalen-Lippe, propone un Approccio olistico prima. Si tratta di una delle Città di Soest per la tua Competenza è stato chiesto. Un puro accento sulla i francesi Prigionieri di guerra non sarebbe sufficiente, dice di fronte a DW. “Un Geschichtsort deve tutta la sua Stratificazione temporale mostrato il suo”, così Gilhaus. Tutto il resto sarebbe “così, come se fossimo in Cantina andare e luci con una Torcia su un Elemento. Quindi non hanno tutto lo Spazio informazioni. Per me si trattava di illuminare tutta la Stanza.”

Diversi Destini

In questo Caso, lo Spazio ha un sacco di Elementi che illumina dovrebbero essere. Le Baracche sono state 1938 i Nazisti costruito. Durante la Seconda Guerra mondiale, oltre a Francesi, Belgi e Olandesi, anche numerosi Prigionieri di guerra sovietici internati. A Differenza dei loro dell’europa occidentale, compagni di sventura erano i Sovietici, ma non sotto la Protezione della Convenzione di Ginevra del 1929. Dovevano Condizioni nettamente peggiori sopportare; essi hanno sperimentato l’Abuso e la Fame, e sono stati in caso di Malattia non trattata.

Piano dell’ex Kriegsgefangenenlagers in Soest

Dopo la fine della Guerra vivevano 300.000 lavoratori Forzati nelle ex Caserme, seguiti da tedeschi Kriegsflüchtlingen dagli ex Territori dell’europa centrale e Orientale. Dal 1951 al 1994, infine, erano qui belga Soldati di stanza.

Dalla Costruzione fino ad oggi

Gilhaus è del Parere che la Mostra con la Costruzione del Complesso di iniziare e la Storia del suo Utilizzo e dei suoi Passeggeri fino ad oggi tracciatura deve essere sempre strettamente legato alla Storia della Città di Soest. Le diverse Esperienze francesi e sovietici Ufficiali sia particolarmente importante, sottolinea Gilhaus.

“Che meritano un Trattamento migliore per scoprire gli altri sono alla Fine di una Gerarchia etnica e hanno una assai minore di Sostegno in tutti i Bisogni della Vita conoscere. Questa Gerarchia etnica è una Caratteristica tipica del Nazismo”, spiega.

Le Proposte della Museumsexpertin hanno fatto sì che la VETRORESINA Presidente, per una stretta di messa a Fuoco auspica che aveva, si è dimesso, ma l’attuale vice Capo del Gruppo, Werner Liedmann, accoglie con favore l’Approccio olistico. “Per Storia, per capire, bisogna in realtà tutte le categorie di vittime, in Vista di prendere.”, egli dice. Liedmann crede che i francesi Prigionieri e la Cappella con l’Installazione del Museo accanto sufficientemente apprezzato. “Con il punto di Vista della storia Contemporanea, lasciamo questo Luogo e la nuova Retribuzione di fa,” se con gli ospiti stranieri o, addirittura, la Città di Soest, ha detto.

Saluta un Approccio olistico per il nuovo Museo: Werner Liedmann di “Geschichtswerkstatt Francese Cappella”

Sviluppo di una cultura della Memoria

Liedmann ritiene essenziale una Connessione a Soest a produrre, perché la Città la Consapevolezza che per la sua Storia del 20. Secolo, manca: “Abbiamo in Città molto poco della Memoria.” Lui si tratta di “il Soestern di consapevolezza, che è Parte della vostra Storia di ciò che accade qui, non un Fantasma, quello che capita a Soest è atterrato.”

Ulrike Gilhaus concorda che per la Città è importante, in una Stanza, la sua Storia durante il Nazismo ha detto, perché qualcosa manca ancora: “Abbiamo in Soest, tutta una Serie di Musei; ma non c’è alcun Posto che davvero la Storia del Nazismo in considerazione.”

Tre Generazioni di Laurent-Famiglia, si sono incontrati a Soest con i Membri della VETRORESINA

Insegnamento della Storia attraverso lo Scambio

La proposta di Museo deve essere a costo zero; senza Universitarie non ha intenzione di realizzare, ha detto Maria Luisa Pepinghege, il Presidente del Kulturausschusses del Governo della città, della DW. Il Comitato il 12. A settembre con la Dimensione del futuro Museo di decidere. Un maggiore Spazio per l’Approccio fondamentale, ma richiede più Risorse.

La “Geschichtswerkstatt” attende con ansia la Decisione. È prevista per il 12. Settembre cadere. Liedmann ha precisato che la VETRORESINA solo di rimanere a Bordo, quando la conseguente Proposta di Spazio e Risorse per il Gruppo offre, per il personale, la Formazione, che da Anni con i Visitatori della Cappella presta a continuare. L’insegnamento di Storia può essere realizzato solo Scambio con Persone a capire, solo così sia possibile”, che è uno Tra di loro ci sono. E ciò che l’Europa ha bisogno di più di questo?”