69. Berlinale: la Politica incontra il Cinema

0
76

“Il Privato è politico” è il Motto del Festival di Berlino 2019. Non solo privato Drammi, uno Sfondo politico, si intende. In Concorso è aperto anche knallhartes Politico-Cinema.

Tre Film, tre volte la Politica al Cinema al Festival di Berlino nel 2019. La Berlinale è da sempre considerato il politischste tra i grandi Festival cinematografici di tutto il mondo. Il Motivo, tra l’altro, nella Storia: è stato a Lungo la Berlinale, il Festival, il West e Est univa. Ai Tempi della Guerra Fredda, quando il Muro era ancora in piedi, sconfissero i Film e i Film proiettati culturale Ponti per i Professionisti e per il Pubblico.

Politico Festival anche nel Mondo globalizzato di oggi

La Reputazione la festa si è difeso, anche quando il Mondo nel frattempo è cambiato. In Nebenreihen Berlinale, in Forum e Panorama, tradizionalmente, molti politici di Film, soprattutto di Documentazione. Ma anche nel Concorso di trovare sempre i Film, la Politica e Zeithistorie Occhiata. Questo è anche quest’Anno.

Dick Cheney e sua Moglie Lynn – una Coppia di coniugi, il Regista con Macbeth-Caratteristiche dota

“Il Privato è politico” era il Motto del Festival di quest’Anno, aveva Berlinale-Capo Dieter Kosslick in Anticipo proclama, e in questi Giorni si trovano tre Film questa Tesi mirabilmente dimostrano. Spettacolare fu la prima di “Vice”. L’attrice è attualmente sulla Bocca di tutti, perché il Protagonista Christian Bale nel Ruolo dell’ex Vice-Presidente Dick Cheney appena internazionali Attore-Prezzi abräumt e caldo Candidato all’Oscar viene scambiato. Bale è di quest’Anno, quasi l’unica Superstar di Hollywood, il Festival sul Tappeto Rosso ha da offrire.

Agententhriller da Israele, anche in Germania gioca

Ma anche il Film “The Operativa” del Regista israeliano Yuval Adler offre decisamente politico Cinema, scava che è ancora profondamente nei Meandri del Conflitto in Medio oriente e i Problemi del Medio Oriente, racconta di Israeliani e Iraniani, Tedeschi, Inglesi e Americani, di atti di Terrorismo e Spionaggio.

Umjubelter Berlinale-Ospite di Hollywood: Christian Bale

Più lontana dal classico Politico-Cinema si muove la Candidatura turca “Kiz Kardesler” (“A Tale of Three Sisters”), una Storia dell’anatolia Provincia, tra l’altro, di Geschlechterverhältnissen. Ma anche qui lo Spettatore intuisce rapidamente: La Società patriarcale come Regista Emin Alper viene presentato, comporta politico Esplosivo, anche se forse solo in un prossimo Futuro.

Verruchter Politici: US-Vice-Presidente Dick Cheney

Tre Volte la Politica e Film, tre anche esteticamente molto diversi Approcci al Tema della Tela di trattare. “Vice” del Regista Adam McKay offre Fondamentalmente un classico Politico-Biopic, la Vita e l’Opera del Politico americano Dick Cheney raccontato – classico, tuttavia, solo nel Senso di Azione e di Interpretazione. Poiché si muove Mckay Film molto da vicino la Serie “House of Cards”: Dick Cheney (Christian Bale), il demoniaco Verificarsi di un Frank Underwood poco dopo.

Poco dopo il crollo del World Trade Center: la Coppia Cheney in “Vice”

Cheney, dal 2001 al 2009 sotto George W. Bush, immensamente più potente di “Vice”, molti Esperti, oggi come il vero e proprio Architettato la Politica degli stati UNITI di quegli Anni. McKay ce lo mostra come gewieften Strippenzieher, i Fili a Washington in Mano e la politica Bambole che fa ballare anche il suo Capo, il Presidente. Che Cheney senza scrupoli succedeva private (economica) Interessi politici associazione, che nominare e la Regia, e il Libro è evidente.

Mentre a Hollywood, né tali critiche Polit Film, per il Cinema AMERICANO, di non Preoccuparsi.

Sulle Tracce di Michael Moore

Interessante è soprattutto la Lavorazione di “Vice”. Qui sembra dell’America più Dokumentarfilmregisseur Michael Moore le sue Tracce anche nel Lungometraggio per aver lasciato. Lo Scherzo, la satira messa a fuoco, l’Immagine e il Suono, il tutto ricorda Moore mordere Filmsatiren UNITI, la Politica e la Società.

Diane Kruger come il Mossad-Agente in “The Operativa”

Sul classico Spionaggio-Film-Terreno si muove il Regista israeliano Yuval Adler, se ha una Mossad Agente (interpretato dal tedesco Star di Hollywood, Diane Kruger) a Teheran, Israele e Germania invia. Non aveva il Film di James Bond Fattura nel Senso avuto, ha detto Yuval a Berlino e se i Modelli di ricerca, poi cade prima di una popolare degli stati UNITI, la Serie.

Se Kruger con il Velo da Teheran spoglia, ha quindi ricordato il forte di Carrie Mathison in Serie “Homeland”. E anche qui ci sono gli umani e, pertanto, altamente morale, i Conflitti, la Riflessione sul Bene e sul Male e sempre presente Domanda, in che modo la sua Innocenza può conservare nel Lavoro di un Agente, in primo Piano, del Film.

Il Team di “The Operativa” della Berlinale-Premiere

Vista, in Provincia di

“A Tale of Sisters”, invece, è Polit-Cinema in un più intimistici Senso. Qui è il “Privato”, che forse, una volta in Politica sfociano viene tematizzato. Tre Sorelle in un Villaggio anatolico: Tutti e tre per tornare in Città brutte Esperienze tornare in Paese, solo il Padre e il Marito della Figlia vivono ancora in Casa. I Conflitti esplodono.

 

Regista Emin Alper mostra la Vita di tre Donne in senso strettamente dominata dagli uomini di Mondo. Vi sebbene tra loro Libertà fuori e parlare sorprendentemente aperta, ma in generale di divisione dei Ruoli è a malapena una volta scosso. Che non sempre sarà così, che anche in zentralanatolischen Provincia di una volta, potrebbe cambiare, questa è una Conoscenza di questo allattamento al seno Film, anche la Rabbia repressa della Protagonista femminile sul Tema del potere.

“A Tale of Three Sisters” copre incrostato Familiari su

Tutti e tre i Film si vedono nei Film in Concorso, “Vice” e “The Operativa” tuttavia, “fuori concorso”, non è dunque possibile vincere Premi alla Fine della Berlinale. Una strana Festival-Statuto, non è uno Spettatore e nessuno tra gli Specialisti comprende di più. Perché correre questo Film non è – come molti altri-Film – in uno dei tanti Nebenreihen? Ma questo è ovviamente Festival di Politica e che a volte è ancora più difficile capire come il mondo della Politica.