Vittime di Violenza sessuale in Kosovo, la Guerra di rompere il Silenzio

0
28

Centinaia di Donne che durante il Kosovo durante la Guerra sono state violentate, parlando per la prima Volta attraverso la loro Sofferenza. Un nuovo Studio sembra questo Crimine, come Strumento di “Pulizia etnica”.

L’Installazione “Thinking of You” di Alketa Xhafa Mripa ricorda le Vittime

Come un Poliziotto serbo insieme con i Civili hanno violentata, ha chiesto Vasfije Partito perciò, uccidere. Aveva solo 16, quando i due Uomini, il 14. Aprile 1998 dalla Casa di famiglia nel Nord del Kosovo, che è stata rapita. Allora, desiderava la Morte come unica via di Uscita. “Ma il Poliziotto rispose:” No, tu rimani in Vita, perché allora si sta ancora andando a soffrire di più”, ha detto Vasfije Partito in un’Intervista con il kosovo TV Channel mosto concentrato rettificato. Dopo la Guerra in Kosovo ha avuto la Interinale, Verwaltungsmission delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK) rivolti contro gli autori di che lamentarsi. Ma dopo tre Giudiziario è stato nessuno di loro punito. Il Poliziotto era ancora un Poliziotto.

Oggi, 36 anni, Vasfije Partito abita nel frattempo, in Texas, e ha due Figli. Nel mese di Ottobre, in Kosovo, tornato per un 25 Minuti lunga Intervista TV a raccontare la loro Storia.

Si stima che Migliaia di Persone che, nel corso del Kosovo, Guerra (1998/1999) Violenza sessuale. Diversamente Vasfije Partito si fidavano, la maggior parte dei non, parlare. Ma questo sta lentamente cambiando: 278 femmine e due Vittime di sesso maschile che, dopo molti Anni di Silenzio, con persone di Fiducia delle ONG Medica Gjakova Kosovo apertamente parlato di ciò che è capitato loro. Questa organizzazione non governativa registrato e di sostegno alle Vittime di Violenza sessuale in la Guerra in Kosovo.

Sulla Base di queste Informazioni, esplorò la Sociologa e Politica-Analista Anna Di Lellio questo difficile Argomento. Il Professore della New York University ha vissuto per diversi Anni in Kosovo. Insieme con Garentina Kraja, una Ricercatrice del Kosovo, e Mirlinda Sada, il Direttore di Medica Gjakova, ha pubblicato di Recente uno Studio con i Risultati nella Rivista Prishtina Insight. “Ora siamo in grado di dimostrare che la Vittima, in certi Luoghi e certi Giorni sono state violentate, dove si Massenmorden è venuto”, dice Anna Di Lellio, in un Colloquio con il DW. “Così si inserisce in un Quadro generale, per l’Omicidio di Decine, a volte Centinaia di Uomini, e circa uguale ad alto Numero di Stupri, e niedergebrannte Case e Massenvertreibungen. Questa è un’Immagine del cosiddetto ‘Pulizia etnica’, quando le Case distrutte, gli Abitanti distribuiti, Uomini uccisi e le Donne e alcuni Uomini violentata.” Nel loro Studio, ricorda Anna Di Lellio, infatti, che “il Reato di Violenza sessuale in Guerra durante la Guerra in Bosnia per la prima Volta come “arma di guerra””.

Solidarietà con le Donne violentate: La Marcia “Be My Voice” nel mese di Giugno a Pristina

“Stupro come crimine di guerra e Crimini contro l’Umanità”

In Modo simile, sono state anche le Vittime del Kosovo, a causa della loro Origine etnica, violentata e umiliata”, spiega Anna Di Lellio. “Che cosa Poliziotti serbi, Militari e Paramilitari, gli Albanesi in Kosovo, Guerra hanno fatto, è stata una Pulizia etnica e lo Stupro era uno Strumento di questa Strategia apparteneva.” Questi Stupri erano “crimini di guerra e Crimini contro l’Umanità”.

I Racconti dei 280 Sopravvissuti hanno molto in comune: sono Sempre di più Stupratori, il Discorso, inoltre, le Vittime sono state anche torturato, picchiato, e con le Sigarette tormentato. Durante questo Incubo dovettero sopportare, che sono stati sempre umiliato con Frasi come: “Voi siete albanese e le Donne, così che potete sopportare, voi siete abituati!” o “Noi vi mostrano cosa vera serbi sono gli Uomini!”. Fino a undici Donne Rom sono stati tutti gli altri 280 Vittime, con Medica Gjakova le loro Esperienze hanno parlato, albanesi Uomini e Donne. Gli Autori erano tutti serbo Uomini, con l’Eccezione di un Albaners da una Rom Donna è stato addebitato.

Per i Sopravvissuti, prende la Guerra senza Fine

Durante la Guerra c’era il Tema della Violenza sessuale al Dibattito pubblico, ma nel Dopoguerra Kosovo, la maggior parte è su taciuto. Il defunto Sevdije Ahmeti, uno dei principali Attivisti durante la Guerra, si rivolse con 37 Casi di Violenza sessuale all’UNMIK. A Livello istituzionale è successo ma niente. Soprattutto Frauenrechtsorganisationen si sedettero per le Vittime e lavorato a mente questi per identificare e riabilitare.

Guarda il Video 05:00 Ora live 05:00 Min. Condividere

Kosovo indipendente e divisa

Inviare Facebook Twitter google+, Tumblr VZ Mr. Wong Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/2sPEj

Kosovo indipendente e divisa

Cinque Sopravvissuti hanno come Testimoni davanti al tribunale Penale Internazionale per l’ex Jugoslavia (ICTY) a L’Aia contro accusato le Forze di sicurezza serbe e Militari testimoniato. Un solo Giudizio ha riguardato anche il Conteggio di Violenza sessuale, nel Caso del Generale Nebosja Pavkovic: “Aveva di Stupri sapere”, si legge nella Sentenza, perché il Militare in Serbia, di cui hanno riferito, “ma lui non fece nulla per fermarla.” In altri tre Casi simili sono stati l’Imputato assolto in primo luogo, ma poi, in Appello, in definitiva, ma colpevole.

Tra il 2002 e il 2014 ha la Prospettiva del TRIBUNALE cambiato: I Giudici hanno iniziato, nel Caso del Kosovo, il contesto generale della Violenza sessuale – quindi Massenvertreibungen, Omicidio e Distruzione di prendere in considerazione. È designato come “Crimini contro l’Umanità e condannato il Comandante, il che permette avevano.

Per le Vittime di Violenza sessuale, la Guerra non è ancora finita. “E lui è anche non finire mai, ma per queste Persone così tanto tempo, come la vita”, dice Anna Di Lellio. “Ma noi possiamo aiutarli, facendo capire che quello che hanno vissuto, e la sostenga. Giustizia sarebbe bene, naturalmente, ma è difficile immaginare che ogni Sacrificio di generazioni. Tanti Anni sono già passati. Ma sarebbe incredibile, se la Serbia di riconoscere la dignità che i Serbi allora il Kosovo hanno fatto.”