Afghanistan: prassi di espulsione dell’UE-stati Uniti

0
42

Gli attivisti invitano gli Stati membri dell’UE, le Deportazioni in Afghanistan fermare. La Violenza contro i Civili a salire di nuovo e ancora vogliono alcuni Governi, i richiedenti Asilo ulteriormente lì restituire.

Samira Hamidi protesta davanti al Parlamento europeo: Keep Afghans Cassetta di sicurezza

Samira Hamidi di Amnesty International, conosce la Situazione di Afgani in Patria”. Si dice spesso: la Vita o la Morte. Hamidi vive in Guerra gebeuteltem Paese è già tutta la sua Vita. La maggior parte del Tempo, ha lavorato lì come Attivista per i Diritti delle donne, prima di alcuni Mesi fa, in asia Meridionale-Ufficio di Amnesty International Regionalbeauftragte cominciato. “Tu lascia al Mattino la Casa e non so se tu in modo sicuro e in un unico Pezzo torni”, dice Hamidi.

Questa Paura si manifesta anche nella Statistica delle nazioni UNITE missione di assistenza in Afghanistan (UNAMA), recentemente pubblicato. La mostra, che quest’Anno ha già fatto più morti rispetto allo stesso Periodo dell’anno precedente.

La Probabilità di sopravvivenza per le Persone che non sono così difficili Strade dell’Afghanistan sono cresciuti, ancora più bassa. Questo è uno dei Motivi per cui Hamidi la Campagna #KeepAfghansSafe (Tenete Afgani sicuro) di Amnesty dirige. Vuole la Zwangsrückführungen di Afgani, provenienti da Paesi dell’Unione Europea di sospendere.

“Iniqua e ingiusta”

“L’Afghanistan è estremamente instabile”, dice Hamidi di DW su una Manifestazione a Bruxelles. “I piccoli Ragazzi e Ragazze, non ancora una volta in Afghanistan sono nati in un Paese a inviare il non conoscere a più Persone di restituire il lungo e difficile Viaggio hanno preso su di sé per trovare una Vita migliore – questo è crudele e ingiusto”.

Amnesty ha Casi di Ripristino di Germania, paesi Bassi, Norvegia e Svezia documentato. Torna in Afghanistan, sono stati alcuni di loro ucciso. Praticamente tutti vivevano in continua Ansia. “Dall’Europa con la forza resi Afgani sono i minori non accompagnati e giovani Adulti che ai Tempi del loro Arrivo in Europa, erano Bambini”, si legge nella Relazione. “Alcune Persone, Amnesty International per il Report ha intervistato, sono stati in Regioni dell’Afghanistan mandato, che non si conoscono, oltre alla Situazione di pericolo e l’Impunità per Crimini come la Tortura.”

Numero dei Rimpatri in Afghanistan aumenta

Il Modo in cui afghani richiedenti Asilo vengono trattati varia notevolmente tra i Paesi dell’UE. Europeo per i rifugiati (ECRE), ha creato un Report, l’attuale Politica di “irregolare”. 2016 aumentato il Numero di Espulsione degli Afgani, tuttavia, chiaramente.

Guarda il Video 28:34 Ora live 28:34 Min. Condividere

Espulsi – e poi?

Inviare Facebook Twitter google+, Tumblr VZ Mr. Wong Xing Newsvine Digg

Permalink : https://p.dw.com/p/334NS

Espulsi – e poi?

ECRE descrive Norvegia, un Paese che in qualche modo “orgoglio” sembra essere uno dei “più rigorosi dell’Europa” di fronte Afgani di essere diventata. Invece c’era da Germania dal 2005 “quasi nessuna Espulsione in Afghanistan”, ECRE. Ma nel Dicembre del 2016 ha iniziato il Governo tedesco Afgani, come Gruppo, di individuare, potrebbe essere trasferita. Come la Violenza in Afghanistan ripresa, sono stati 2017 le Deportazioni, pur brevemente esposto. Quindi, alzato Aerei con rifiutati Afgani nuovo – secondo Amnesty international, dal Dicembre del 2016 a 15 Sammelabschiebungen circa 350 Afgani stati rimpatriati. Attualmente spinge Germania, secondo i Dati del Governo federale solo la cosiddetta persona pericolosa e Criminale.

L’ECRE-Relazione di qualcosa di diverso chiaramente: Ci sono prove che molti di questi deportati sia permesso Afgani ben integrati, imparato il Tedesco e Lavori avevano trovato. Chi la Norvegia, hanno dovuto lasciare, sono per la maggior parte appena arrivati.

I bambini in Afghanistan indietro

ECRE segnala inoltre norvegese notizie di Stampa, secondo cui la Norvegia più Bambini in Afghanistan abbia portato rispetto a qualsiasi altro Paese – 37 in quel solo Anno. Un Articolo in “Norway Today”, citando il afghani Flüchtlingsministerium: Danimarca, Francia, paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Svizzera e regno Unito avrebbero Accordo bilaterale firmato per richiedenti Asilo la questione. La norvegia e i paesi Bassi doni 2016, anche i Bambini di rimpatriare.

L’olandese Parlamentari europei e Judith Sargentini del Gruppo dei Verdi getta nel frattempo, i Governi dell’Unione Europea, con le Deportazioni in una zona di Guerra le proprie Leggi in materia di rompere. Gli Stati dell’UE, gli Afgani restituire feriti il diritto internazionale, il Principio di “non respingimento” – il volontario Allontanamento di una Persona in una Zona “dove il Rischio per la loro Vita o la loro Libertà”.

Judith Sargentini vuole che le Deportazioni in Afghanistan smettere

Sargentini era anche due Anni fa tra Bruxelles e Kabul, firmato “Joint Way Forward”Accordi violentemente criticato. Essa ha definito il Contratto di promettente Sviluppo, i Governi dell’UE il Rimpatrio di richiedenti Asilo rifiutati di sollievo.

“È pazzesco”, dice il DW. “La ‘Joint Way Forward’Accordo ci ha suggerito una completa Reintegrazione impostare. Ma come ‘integrato’ un Uomo in un Paese che ogni Giorno incertezza? Le persone che semplicemente non voler essere lì? Questo è semplicemente impossibile.” Sargentini aggiunge che le Storie di deportati sia permesso Giovani ha sentito tra Tossicodipendente sotto il Ponte di dormire.

Morte e Persecuzione in Patria

Najeeb Azad ha queste Storie. Il 26-year-old Afgano attualmente sta concludendo un Master in Studi in Amsterdam. “C’è stato un Ritorno dal regno Unito, in Afghanistan, è stato ucciso”, dice Azad. “Un altro è stato da Amburgo restituiti e commise Suicidio a Kabul.”

Azad ha la sua Sede Gasni da nove Anni, non di più visita. Appartiene a una Minoranza etnica, Hazara. Tutta la sua Famiglia ha dovuto prima dei Talebani fuggire, ha detto il DW. “Ora ho la Famiglia a Londra e Australia in Australia vennero con la Barca”, dice Azad. Attualmente invita le Vittime di Violenza da Record. “Abbiamo tutto il Tempo di Preoccuparsi se ci Esplosioni”, così Azad. “Chiediamo che sempre di nuovo ogni singolo Amico.” Per i suoi Connazionali, è il #KeepAfghansSafe Campagna ha aderito.

Forse per il suo Impegno e di Effetto. Secondo Anice Kassar, Portavoce dell’ufficio Europeo di Sostegno per l’Asilo, i Governi dell’UE in questo Anno, più Posti di afgani richiedenti l’Asilo. Inoltre, avrebbero lo scorso Anno il 30% degli Afgani nel Paese il permesso di soggiorno, Asilo hanno chiesto, così Kassar. Per i primi sei Mesi dal 2018 il Numero 43 per Cento.