Bulgaria: Roma-Scuole di strada senza uscita

0
18

Quasi un Terzo dei Bambini Rom nel Paese dell’UE, Bulgaria andare a scuola, dove tutti gli Alunni di questa Minoranza, che comprende una serie di Emarginazione e di Rifiuto. Rayna Breuer ha un Roma-Scuola a Sofia.

Irena Tsukeva mostra su una Parete con un sacco di Immagini, che è un enorme Buco coprire. La Vernice dei Termosifoni si sfalda, i telai delle Porte di andare in pezzi. “Noi rinnoviamo proprio la Scuola. Ci restano solo pochi Giorni per la Scuola”, dice la Preside. Ma è ottimista che tutto sia pronto in tempo. Dopo tutto, sono i Libri di testo già ordinatamente e accatastati e in alcune Aule manca solo l’ultimo Tratto. La Facciata esterna è bisogno anche di un nuovo Colore, ma non perché la vecchia sfilò è: “Si vede Hakenkreuze, Insulti, Imbrattando. Arriviamo addirittura non più dietro le Pareti di pulizia”, dice Irene Tsukeva. “I Giovani del Quartiere, che non è la nostra Scuola.” Perché il 98 per Cento degli Studenti qui di Roma. Ma Tsukeva, da 40 Anni come Studente e Insegnante, la Scuola e l’Istituzione da 15 Anni dirige, conosce anche altri Periodi: “all’Inizio degli anni 2000 una nuova Legge ha i Genitori ha permesso la Scuola per i loro Bambini stessi desideri. La nostra Scuola è stata attraente per le Famiglie Rom dal Nachbarviertel, ma in questo modo hanno mandato le altre Famiglie in questo Quartiere, i Bambini, altri, più centralizzato di Scuole.” Con il Tempo, la Scuola, quindi, una pura Roma-Scuola sviluppato.

Questo è, in Bulgaria, non un singolo Caso. Secondo i Dati dell’Agenzia UE per i Diritti fondamentali, la Percentuale di Bambini Rom in Bulgaria una pura Roma-Scuola, in cinque Anni, dal 16 al 29 per Cento. Questo è il Valore massimo di nove sud – est europa, nello Studio sono stati presi in considerazione.

“Noi, i Bambini possono non di origine etnica separare”, dice Irene Tsukeva. “Spiego ai miei Studenti sempre: Siamo tutti Bulgari, perché noi, nato in Bulgaria.”

Il rifiuto e l’Odio

Il risentimento contro i Rom in Bulgaria ampiamente. La Politica fa poco, invece. Spesso sparati è già carica Umore. Nell’Autunno del 2017 è stato il Presidente del Partito “Fronte Nazionale per la Salvezza della Bulgaria”, Valeri Simeonov, da un Tribunale a causa di un condannato per incitamento all’odio. Ha avuto Roma come “arrogante, überhebliche e selvaggia umanoide Esseri” che le Donne avessero la “Istinti di Straßenhunden”. Ironia della sorte, Valeri Simeonov anche Presidente del Consiglio nazionale per l’Integrazione delle Minoranze.

Cavalli Bogomilov ha dovuto lottare a lungo per realizzare il suo Sogno dalla professione di insegnante di soddisfare

Contro questa Politica di Esclusione combatte Preside Irena Tsukeva. Si ha la Fortuna di godere di un Insegnante, Cavalli Bogomilov. Egli è l’unico di Roma-gli Insegnanti della Scuola e un Modello per i Bambini. Ma la sua Strada per lo Lavoro come Insegnante, era sassoso. “Dopo la mia Uni-Completamento 2013 ho iniziato a farmi le Scuole qui a Sofia, da applicare. Sono stato a Colloquio, ma alla Fine mi è stato sempre annullato”, ricorda il Maestro. Alcune Scuole gli avessero chiaramente comunicato, avevano annullato, perché Roma. Direttrice Irene Tsukeva era l’unico che lo accolse e con le Braccia aperte e pieno di Speranza. Da cinque Anni insegna Storia e Geografia, dall’Inizio di Settembre, è anche vice Preside.

La Soluzione: Scuole per tutti

Cavalli Bogomilov ce l’ha fatta. Anche se ha un sacco di Rifiuto ha vissuto, ha il suo Sogno di diventare un Insegnante, non ha mai abbandonato. I suoi Allievi di poco più leggero, perché il Contesto ancora difficile. Egli sa che in bulgaro Società ancora molto deve cambiare. “L’Integrazione non riuscita, se non Quarto, in cui principalmente Famiglie Rom che vivono tutti insieme la vita, se non segregata a scuola, tutti insieme a Lezione. Solo allora le Impostazioni su entrambi i Lati di cambiare”, dice Cavalli Bogomilov.

Cavalli Bogomilov e Irena Tsukeva vogliono i Bambini Rom attraverso la Formazione di una Base importante per il Futuro. Da dieci Anni offre anche i loro Genitori e altri Adulti la Possibilità di un Diploma di rimediare. 82 Adulti hanno le loro Prove, lo scorso Anno è riuscita, il più vecchio era un 60 Anni. A partire da questo anno Scolastico, vuole Irena Tsukeva e Cavalli Bogomilov un Mediatore regolare, anche per i Problemi sociali della Roma-Allievo e il Ponte tra le Famiglie Rom e la Scuola deve colpire. “A volte i Bambini non vengono a Scuola, perché in Inverno, semplicemente non sono Scarpe adatte”, dice la Preside. Pertanto, raccoglie da Anni Vestiti per i più Poveri dei Poveri.