Myanmar riprende uno Rohingya famiglia, nonostante ONU preoccupazioni

0
34

In questa domenica, Jan. 21, 2018, foto, profughi Rohingya che vengono trasferiti da un campo nei pressi del Bangladesh, Myanmar confine arrivare a Balukhali campo profughi di 50 chilometri (31 miglia) da Cox s Bazar, Bangladesh. (AP Photo/File/immagine Rappresentativa)

Le Top News

  • Caro amico, parlare

  • Parentesi: Come allevare un bambino che legge

  • Suggerimenti di progettazione per la cucina ideale

Myanmar ha accettato ciò che sembra essere la prima a cinque tra i circa 700.000 Rohingya Musulmani fuggiti militare guidato la violenza contro il gruppo di minoranza, anche se l’ONU dice che ancora non è sicuro per loro di tornare a casa. Una dichiarazione del governo del sabato ha detto che i cinque componenti di una famiglia tornò a western stato di Rakhine, da un campo profughi lungo il confine con il Bangladesh. La dichiarazione ha detto che le autorità determinato se avessero vissuto nel paese e ha fornito loro un nazionale di verifica della carta — una forma di ID che non significa la cittadinanza che Rohingya sono stati negati i Buddhisti maggioranza Myanmar, dove hanno affrontato la persecuzione per decenni.

Si dice che la famiglia si trovava temporaneamente con i parenti in Maungdaw città, il centro amministrativo in prossimità del confine.

La dichiarazione non ha detto se più rimpatri sono in fase di progettazione. Il Bangladesh ha dato Myanmar un elenco di più di 8.000 rifugiati per iniziare il rimpatrio, ma è stata ulteriormente rimandata, attraverso un complicato processo di verifica.

I due paesi hanno concordato nel mese di dicembre per iniziare il rimpatrio di loro nel mese di gennaio, ma è stato ritardato di preoccupazioni tra gli operatori e Rohingya, che sarebbero costretti a tornare e affrontare le condizioni non sicure in Myanmar.

Centinaia di Rohingya sono rimasti uccisi negli ultimi violenza, e molte case e villaggi rasi al suolo. Le Nazioni Unite e gli stati UNITI hanno descritto la repressione dell’esercito come “pulizia etnica”.

Venerdì, l’U. N. agenzia per i rifugiati e il Bangladesh hanno finalizzato un protocollo d’intesa che descrive il processo di rimpatrio come “cassetta di sicurezza, volontariato e dignitosa … in linea con gli standard internazionali.”

L’UNHCR ha detto che “ritiene che le condizioni in Myanmar non sono ancora favorevole per la restituisce per essere sicuro, dignitoso e sostenibile. La responsabilità per la creazione di tali condizioni, rimane con le autorità di Myanmar, e questi devono andare al di là della preparazione fisica di infrastrutture per facilitare la logistica.”

All’inizio di questa settimana, Myanmar Sociale Ministro del Welfare Vincere Myat Aye è incontrato con circa 40 profughi Rohingya in Kutupalong campo in Cox’s Bazar in Bangladesh, per più di un’ora, a volte lo scambio riscaldata parole.

Un Rohingya leader, Abdur Rahim, ha detto che almeno otto le vittime di stupro sono stati tra quelli che incontrava. Rahim ha detto che il gruppo ha presentato 13 richieste per il governo a rispondere per il loro ritorno in Myanmar.

Rahim ha detto che il gruppo è diventato arrabbiato quando Vincere Myat Aye detto che i profughi Rohingya deve accettare nazionale di verifica schede fornite dal Myanmar in cui sono stato sono migranti dal Bangladesh.

Musulmani Rohingya sono stati a lungo considerati come estranei in Myanmar, anche se le loro famiglie hanno vissuto nel paese per generazioni. Quasi tutti hanno negato la cittadinanza dal 1982, rendendo effettivamente li stateless. Sono negata libertà di movimento e di altri diritti fondamentali.

Rahim ha detto che hanno chiesto di essere riconosciuti come cittadini del Myanmar, prima del rimpatrio inizia e che le loro disposizioni in materia di sicurezza di supervisione delle Nazioni Unite.

Rohingya che sono stati rimpatriati in passato, dopo la precedente esodi di rifugiati sono stati costretti a vivere in campi profughi in Myanmar.

Per tutte le ultime Notizie dal Mondo, scaricare Indian Express App