Il tè, il Tempo e il tempio di Kashi: Hindi scrittore Kashinath Singh su una passeggiata attraverso le Assi Ghat

0
30

In un antico paese: Kashinath Singh all’Assi Ghat.

Notizie Correlate

  • Dove Star Trek: avvistamenti di Orso nel Parco Nazionale di Yosemite

  • Giù in Jungleland: Valzer Non Piace?

  • Due per Uno

Il sole è pronto per impostare su Ganga e Assi Ghat, come se la preparazione di un’occasione. Un altoparlante entra nel vivo, da qualche parte, mentre il tempio campane tributo in termini di distanza. Una temporanea fase è stato impostato per un kavi sammelan, trasformando i passaggi principali per il ghat in anfiteatro.

Kashinath Singh sceglie un angolo tranquillo sulla prima rampa di scale. A piedi fino a due ragazzi seduti lì, si chiede, “Bhai, idhar vasca sakte hain kya? (Possiamo sederci qui?” Si volto a guardare e fare spazio per i deboli, vecchio. Il veterano Hindi scrittore catture suo respiro prima di parlare. “Assi usato per essere l’ultimo ghat. Così, era tranquillo e pacifico. Ma è stato trasformato in uno spettacolo, un luogo turistico. Yoga, aarti e bhajan accade qui e ora. Non era come prima”.

È una calda sera nei giorni feriali e Singh è ancora un po ‘ stanco da una presentazione del libro, ha frequentato il giorno precedente. A 82, si è logorato da un paio di ore di attività, confessa. Tuttavia, egli ha offerto alla guida di gioco. Siamo in Assi, che egli considera “l’essenza di Kashi”.

Il Sahitya Akademi-vincente autore del 2004 romanzo Kashi ka Assi cronache di vita al ghat, nel corso del 1990. Ancora più importante, è un libro di memorie di una città al punto di cambiare. “Kashi, è un’antica città che ha saputo mantenere la sua cultura anche come il mondo è cambiato tutto. Ma tre eventi cruciali che hanno definito il 1990 — la liberalizzazione economica, le proteste contro il Mandal relazione della Commissione e il rath yatra che ha portato alla Babri Masjid demolizione — cambiato il tessuto della città per sempre”, dice Singh.

Kashi ka Assi è anche un racconto di come la globalizzazione a forma di Varanasi, come è diventata meta di turismo internazionale. Non tutti gli stranieri che sono venuti in cerca di luoghi comuni di incredibile India, ma per imparare le lingue Indiane e le arti, e rimase con i residenti, che hanno trasformato le loro case in famiglie ospitanti. Lacerato tra la fede e la necessità, alcuni dal Bramino comunità di fronte al dilemma di dare il tempio di spazio in casa loro per costruire una stanza o un bagno per accogliere un ospite. Questa deliziosa ironia è stato catturato in Chandraprakash Dwivedi per il 2015 e film Mohalla Assi, che era basato su una storia da Singh romanzo. I visitatori diventato una fonte di reddito, ma la città ha anche accettato, senza imporre le sue tradizioni. Oggi, un certo numero di caffetterie e ristoranti coreani dot quartieri attorno al ghat.

“Ma questo pluralismo ha vissuto sotto la minaccia dopo l’aumento dell’ala destra. Quando la cultura è vista attraverso lo stretto prisma di religione, ignora la storia di una città antica come Kashi”, dice Singh. La variazione è così sottile come era tangibile. “Per secoli, Kashi è stata la casa della cultura di dissenso. È qui che il Buddha tenne il suo primo sermone. Questa città è la sede di Sant Kabir e Ravidass. Ha sempre incoraggiato e dato spazio a idee divergenti, che ha reso la città uno spazio democratico. Ma la voce della destra, che è emerso in tutto il tempo del Rath Yatra, non era solo forte, ma anche assordante”, dice.

Singh fornisce un esempio dell’annuale kavi sammelan, che si tiene ogni anno a Assi intorno Holi. “E ‘ la prima volta sotto attacco nei primi anni 1990 per essere ‘osceno’. Il sammelan è stata senza esclusione di colpi, e nessuno è stato esente da ridicolo, non il primo ministro del paese e non anche dei. Ha continuato fino a pochi anni fa, ma non è cambiato in essenza e il luogo, perché la gente cominciò temendo molestie”, dice.

Kedarnath Singh con altri regolari di Kedar Tè di Stallo.

Una grande parte del suo libro è i diversi tè bancarelle all’Assi Ghat, che, in Singh parere, una volta erano Varanasi più spazi democratici. “Assi è stata la mia casa per molti anni. E ‘ il mio Bodh Gaya e il tè bancarelle dove ho raggiunto il mio nirvana”, dice lo scrittore, che chiama Varanasi dal suo antico nome. “Kashi non si esaurisce mai di tè e la conversazione. Non importa se si cammina in una stalla senza un soldo in tasca, si sono tenuti a trovare qualcuno che ne comprerò una tazza o più”, dice con una risata.

Il tè bancarelle, una volta raddoppiato come addas per poeti, scrittori e artisti. Prendete, per esempio, Kedar Tè di Stallo, frequentata da alcuni dei più grandi nomi in Hindi letteratura nel 1960, come Kedarnath Singh, Vijaymohan, Vidyasagar Nautiyal e Vishwanath Tripathi Dehlavi. Questi incontri, Singh dice, sarebbe presieduta da suo fratello maggiore, e noto autore Namvar Singh, insieme con Trilochan Shastri, e vorrei concludere con un viaggio di Tulsi Pustakalay, la libreria che si trovava dietro l’angolo. “Queste visite preparate di me come scrittore. Mi hanno aiutato a capire le idee di come il comunismo e il socialismo, che hanno plasmato il mio lavoro”, dice.

Il personaggio centrale in Kashi ka Assi rimane Pappu Tè di Stallo, che fornisce un punto di osservazione da dove il lettore di vista la città. “La più grande attrazione di questo negozio che ha venduto il bhang. Un ricco uomo d’affari e un risciò-estrattore a piedi qui, con indosso la stessa Banarasi gamcha. I sostenitori del Congresso, BJP, il Janata Dal o BSP leader Kanshi Ram tutti lì per il dibattito, attualità e politica, le loro differenze ridotto sotto gli effetti di bhang, che è tanto una parte di Kashi cultura come chai e conversazione”, dice Singh.

Se il negozio era già famoso o prima reso popolare da Kashi ka Assi è discutibile, ma che continua ad attrarre visitatori. È anche il luogo dove il BJP dato il via Narendra Modi ‘Chai pe Charcha campagna in avanti del 2014 Lok Sabha elezioni.

È 7pm e il piccolo negozio di tè è di fresatura con la gente, seduti sulle panchine poste su entrambi i lati di una singola tabella stretto. Come Singh passi all’interno, egli viene accolto calorosamente e un bicchiere di tè posta di fronte a lui, anche prima che egli può scivolare in un posto vacante in panchina. “Beh, molti di noi sono morti”, dice Singh, ridendo come ricorda Tanni Guru, suo caro amico e un regolare a Pappu. “Ma dopo la Babri demolizione, la natura di dibattiti cambiato. Il VHP e BJP sostenitori, e spesso si tenta di gridare altri verso il basso e alcune discussioni trasformato in una rissa. Lentamente, i liberali e i socialisti spostato fuori di qui.” Ora, egli dice, un meno spazio democratico.

Ancora da Mohalla Assi.

Alcuni di loro sono andati a Kedar Tè di Stallo, ormai noto come Pdi da Tè di Stallo, un centinaio di metri di distanza. Qui, Singh è salutato come ‘Gurudev’ e in pochi minuti, un altro bicchiere di tè si materializza, insieme con Gaya Singh, Hindi scrittore che funzioni in Kashi ka Assi. Egli porta Singh suo preferito paan troppo, ma senza il bhang, che ha lasciato una decina di anni fa. Nel libro, Gaya Singh è anche un bhang-amorevole Varanasi residente, che mette in su una lotta contro la repressione illegale di cannabis venditori. Egli è anche lo spettacolo in qualche pollo al curry — fino al giorno in cui vide l’immagine di suo padre in un gallo stava per cucinare. Nel suo 70s, Gaya Singh si presenta come un ottimo esempio di una generazione che ha usato l’umorismo e il sarcasmo come un mezzo per contrastare le opinioni. “Se abbiamo avuto telefoni cellulari indietro nel giorno quando Gurudev stava lavorando su Kashi ka Assi, almeno avrei potuto lo ha denunciato per l’aggiunta di colore per il mio personaggio”, dice.

Gaya Singh potrebbe non avere una mentalità, ma Singh romanzo finito arrabbiare una schiera di Varanasi caratteri. “Non volevo creare personaggi di fantasia, perché le persone reali che sono qui, sono abbastanza divertente. Perché non voglio che una querela contro di me, ho aggiunto un certo sapore di conversazioni. Non tutti hanno fatto quel gentile”, dice Singh. Kashi ka Assi è stato anche accusato di essere “indecente” per il generoso uso di parolacce. “Giuro parole erano comuni tra amici e utilizzato con un certo grado di tenerezza in Kashi. Ma è stato frainteso come un linguaggio che va contro la tradizione Indiana e la cultura”, dice Gaya Singh. “Oggi, il linguaggio Kashi parla è diventato più pulito, ma la tenerezza è perso. E una parolaccia, quando pronunciò, si sente come una maledizione,” Singh aggiunge.

Molti credono che, come risultato di questa critica, Singh non borsa qualsiasi livello di stato centrale o premio per Kashi ka Assi. Ha ottenuto il Sahitya Akademi award 2011 per Rehan Par Ragghu, un romanzo che analizza come la globalizzazione, i cambiamenti nelle relazioni umane. In Singh parere, il premio è stato per Kashi ka Assi, e che, da allora, ha vinto un sacco di consensi. L’autore, un vocal detractor del Primo Ministro Narendra Modi e di destra, di politica, è uno dei tanti scrittori che hanno restituito loro premi nel 2016.

Con poco più di un anno ha lasciato per il prossimo Lok Sabha elettorale, l’autore è curioso di vedere come Varanasi, Modi della circoscrizione, di reagire. Ma sa anche che il tessuto della città è cambiata per sempre. “Non troverete un peepal albero in città, dove un idolo non è stata inserita e che la gente non inchinarsi davanti. Non era così prima. Dopo RSS affermato che Narad Muni è stato il primo giornalista, la Banaras Hindu University (BHU), anche tenuto una conferenza sul tema. Come il BJP e il RSS stanno lavorando per limitare la cultura Indiana per la religione può anche essere visto nel modo in cui promuovere il Sanscrito. La percezione è che il Sanscrito è strettamente legato con la religione Indù. Ma ‘in Sanscrito, deriva da sanskriti, il che significa cultura. In India, la cultura è sempre stata superiore alla religione, e il tentativo è quello di cambiare”.

Singh vede un accenno di speranza nel recente studenti proteste in tutto il paese. Egli ha strettamente testimone di vita degli studenti e la politica, prima come studente e poi come professore e capo del Hindi dipartimento di BHU, il lavoro si è ritirato dal 1997. “Le proteste di bambine l’anno scorso è stato il primo organico di protesta in decenni e lodevole soprattutto perché il BHU ragazze, per la prima volta, che io ricordi, si alzò in piedi per i loro diritti”, dice. “La rabbia è ricco da qualche parte e la prossima rivoluzione potrebbe essere proprio dietro l’angolo. Solo, questa volta non sarà trainato o portato da alcun partito politico, ma da persone. Spero di vivere per vedere il giorno.”

Per tutte le ultime Occhio News, download Indian Express App