SC invia avviso a govt su Hindu ‘preghiere’ in Kendriya Vidyalayas

0
44

La Suprema Corte Di Cassazione. (Foto Express da Tashi Tobgyal)

Le Top News

  • FIR contro Tribune reporter oltre Aadhaar violazione di dati di storia

  • Padmavati diventa ‘Padmavat’, insieme a scontrarsi con Akshay Kumar s PadMan su gennaio 25

  • Foto: Anushka Sharma torna sul set di Shah Rukh Khan Zero dopo il matrimonio da sogno

La Corte Suprema il mercoledì ha emesso un avviso di Centro, su un PIL in cerca di “immediatamente” l’interruzione di Hindi e Sanscrito, le preghiere del mattino, seguita in 1,125 Kendriya Vidyalayas, che il richiedente ha detto “è basata sulla religione Indù” e “imposto” a studenti, a prescindere dalla loro fede e credenza.

“Si tratta di un problema importante,” il banco dei Giudici R F Nariman e Navin Sinha osservato durante l’emissione di avvisi per l’Unione Ministero dello Sviluppo delle Risorse Umane e la Kendriya Vidyalaya Sangathan.

Il richiedente, Veenayaak Shah, che è un Madhya Pradesh a base di avvocato, ha messo in discussione la Revisione Istruzione Codice di Kendriya Vidyalaya Sangathan che ha detto la petizione è stata rivista nel dicembre 2012 e necessaria “obbligo di frequenza” degli studenti nell’assemblea del mattino, dove devono recitare le preghiere.

Il richiedente ha detto i suoi figli, aveva studiato in un Kendriya Vidyalaya e aveva ormai raggiunto il college. Egli ha aggiunto che egli non aveva alcun interesse personale, ma solo di interesse pubblico. “La preghiera comune è in Sanscrito e Hindi, e a tutti gli studenti, indipendentemente dalla loro fede e la fede è necessario eseguire la preghiera in maniera rispettosa chiudendo gli occhi e piegare le mani. Tutti i docenti condividono la responsabilità collettiva per la supervisione e l’assemblea, e di fare in modo che ogni studente pieghe con le mani, chiude i suoi occhi e recita le preghiere senza fallire”, il ricorrente afferma e affermava che “ogni alunno, in caso contrario, viene punito e umiliato davanti a tutta la scuola”.

Shah citato preghiere della petizione e ha detto che “è stato applicato in tutto il paese, in tutte le Kendra Vidyalayas. Come risultato, i genitori e i bambini della comunità di minoranza così come gli atei e gli altri che non sono d’accordo con questo sistema di preghiera, come gli agnostici… i razionalisti e gli altri avrebbero trovato l’imposizione di questa preghiera, costituzionalmente inammissibile.”

La petizione afferma che “un esame di preghiera mostra che essa è basata sulla religione Induista ed è molto diverso, sia nella sostanza e nella forma, per le preghiere di altri religiosi/ non religiosi, gli orientamenti di cui sopra”.

Ha aggiunto che questo ha sollevato la questione se lo “stato” potrebbe “imporre” una “preghiera comune” a studenti e insegnanti di tutta l’India.

Per tutte le ultime India News, download Indian Express App