Tillerson per consegnare l’avviso in Myanmar più Rohingya crisi

0
16

Il Segretario di Stato USA Rex Tillerson (File/AP)

Di fronte al diffuso “atrocità” contro l’etnia Rohingya persone in Myanmar, gli Stati Uniti è stato cautamente intensificare la pressione sul paese esercito, mentre avendo cura di evitare di mettere in pericolo il governo civile di Aung San Suu Kyi. Come NOI assume un ruolo più attivo nella regione –Statunitense delegazioni hanno attraversato nelle ultime settimane — il Segretario di Stato Rex Tillerson piani di viaggio in Myanmar il mercoledì per incontrare aung san Suu Kyi, la nazione leader, nonché capo dell’esercito Generale Min Aung Hlaing. Il Myanmar è un paese precedentemente noto come Birmania.

Tillerson dovrebbe adottare un tono fermo con i leader militari c’, la quale ha ritenuto “responsabile” per la crisi del Rohingya, merlata alla minoranza Musulmana che ha visto più di 600.000 dei suoi membri fuggire vicino Bangladesh in due mesi e mezzo. In nome di mettere giù un presunto Rohingya ribellione, l’esercito è dalla fine di agosto scatenata una travolgente campagna militare dello stato occidentale di Rakhine, bruciando villaggi e l’invio di migliaia in quello che è diventato il più grande esodo nel mondo di oggi. Le Nazioni Unite hanno denunciato la campagna, tra cui le accuse di omicidi e violenza di massa, come “pulizia etnica”.

Da poco tornato da Myanmar e traboccante campi profughi in Bangladesh, Simon Henshaw, il funzionario del Dipartimento di Stato responsabile per i rifugiati e i problemi di migrazione, ha detto che la scena in campi era scioccante.” “La portata della crisi dei rifugiati è immensa”, ha detto, aggiungendo: “Le condizioni sono difficili. Persone stanno soffrendo.” “Molti rifugiati ci ha detto, tra le lacrime, gli account di vedere i loro villaggi bruciati, i loro parenti uccisi davanti a loro,” Henshaw ha detto.

“Il mondo può solo stare in piedi e di essere testimone delle atrocità che sono stati segnalati in quella zona,” Tillerson ha detto il mese scorso. Ma non è chiaro quali misure gli Stati Uniti potrebbero prendere. Fino ad ora, il Dipartimento di Stato ha semplicemente rafforzato un paio di misure sanzionatorie volte a Myanmar esercito. Iniziale condanne sono state “importante”, Sarah Margon dell’organizzazione Human Rights Watch ha detto alla AFP, “ma hanno smesso e c’è stato molto poco concreta azione da allora”.

Ha chiamato per sanzioni economiche mirate destinata a porre fine alla “alcuni dei più brutali e terribili atrocità che si sono visti negli anni.” In assenza di un’azione più decisa da parte della Casa Bianca o del Dipartimento di Stato, alcuni membri del Congresso degli stati UNITI chiedono sanzioni per limitare la cooperazione militare con il Myanmar e il divieto di il suo esercito, membri dal suolo americano. Una bozza di disegno di legge dovrebbe anche vietare l’importazione di rubini o giada dal paese.

“Il disegno di legge è un importante, anche se tardivo, primo passo per spingere il Myanmar militare per porre fine alla violenza nello stato di Rakhine,” ha detto Joshua Kurlantzick di New York Council on Foreign Relations. Ora, ha detto, in altre parti del governo “deve intervenire”. Il Dipartimento di Stato non ha escluso di sostenere ulteriori sanzioni. Ma gli stati Uniti sono Stati attenti a non mettere la colpa su Aung San Suu Kyi, a tracciare una linea tra l’esercito e il governo civile guidato dal Premio Nobel per la Pace.

Per tutte le ultime Notizie dal Mondo, scaricare Indian Express App