Infatti: Perché la Banca Mondiale estero-banca di prescrizione non è la migliore cura per l’India

0
8

L’analisi annuale di deficit, il debito nazionale e l’accumulo di passato e deficit di interesse a causa dei finanziatori del Tesoro – ora supera il trilione.

Nel decennio dopo la crisi finanziaria globale del 2007-08, come i governi e le autorità di regolamentazione riconosciuto — e ha cominciato ad affrontare — i pericoli di grandi e complessi, bancari e finanziari, strutture e i danni permanenti che potrebbe infliggere in economie, in gran parte mancante è stato l’argomento che l’apertura del settore finanziario per i giocatori stranieri è stato importante per aumentare l’efficienza e di portare i sofisticati prodotti per la clientela locale. Questo perché molte banche globali sono stati al lavoro per cercare di rinforzare il capitale e la ristrutturazione di imprese, di chiudere le operazioni in alcuni paesi, e in generale il mantenimento di un relativamente basso profilo.

È per questo motivo che la Banca Mondiale annuale Finanziario Globale di Sviluppo di Report 2017-18: Banchieri Senza Frontiere, rilasciato la scorsa settimana, si distingue. Che cosa dice il Rapporto, in sostanza, è che le restrizioni imposte alle banche estere in paesi in via di sviluppo (leggere mercati emergenti), ostacolano le prospettive di crescita, limitando il flusso di tanto bisogno di finanziamenti per imprese e famiglie.

Il Rapporto cita il presidente del Gruppo della Banca Mondiale Jim Yong Kim, come dire, “bancario Internazionale non creare rischi di esportazione di instabilità soprattutto per i paesi poveri, i regolamenti e le istituzioni, e tali rischi devono essere ridotti. Ma senza un competitivo settore bancario, il povero non sarà in grado di accedere ai servizi finanziari di base. Molte aziende sarà bloccato al di fuori dei mercati e crescita nei paesi in via di stallo…”

La Banca Mondiale boss è giusto il necessario per una competitiva del settore bancario e finanziario. Il fatto che gli Indiani banking è diventato più competitivo negli ultimi due decenni, in gran parte ha a che fare con l’apertura del settore privato locale banche nel 1993-94, la loro adozione della tecnologia e l’introduzione di nuovi prodotti, e alzare il livello di servizio di tutto il settore. Il più grande obiettivo di politica che il governo e la banca centrale aveva in mente non poteva forse essere fatto immediatamente, in quanto di proprietà pubblica e la struttura di governance delle banche di proprietà statale — anche se hanno giocato un ruolo importante per l’approfondimento della portata dei bancari in India, e a renderla più inclusiva. Oltre a banche pubbliche e private, camere Non-Bancarie Società Finanziarie (NBFCs) e Istituzioni di Microfinanza (imf) ha rapidamente ampliato la propria presenza negli ultimi dieci anni, aumentando il flusso di finanziamenti alla imprese e famiglie che il rapporto della Banca Mondiale discute.

***

Mentre si disegna la tabella di marcia per le banche estere nel 2005, l’India ha adottato quello che viene definito come un due-track e approccio gradualistico, partendo dal principio che un consolidamento di banche pubbliche e private è stato un requisito fondamentale prima di aprire fino a banche estere, in un modo sincronizzato. La prima fase di consolidamento, era corso da Marzo 2005 a Marzo 2009, e la seconda fase è stato quello di seguire una revisione della prima fase. Ma il piano scompariva nel UPA primo periodo, l’esecuzione di contro politici e altri tipi di resistenza.

Nel suo discorso di presentazione del Bilancio nel 2003, il Ministro delle Finanze Jaswant Singh aveva annunciato alcune importanti proposte relative alle banche estere, di cui uno che modifica la legge per consentire alle banche straniere di acquisire banche private. Y V Reddy, che è stato poi RBI Governatore, ha scritto nel suo libro di memorie (Consigli & Dissenso: la Mia Vita in Servizio Pubblico, per il 2017), circa la riunione Singh a voce le sue preoccupazioni circa il Budget annuncio. Reddy ha sostenuto che in tutto il mondo, le banche sono state trattate come speciale e di concessione di licenze e la loro apertura alla proprietà straniera è stata trattata con cautela. Inoltre, le restrizioni sulle banche locali sono stati ancora rimossi, che avrebbe ostacolato l’efficienza e la riforma. Singh sentito parlare di lui, Reddy scrive, ma non si mosse dalla sua posizione, e la RBI e Bancari Segretario Narendra Sisodia dovuto iniziare a lavorare su di inquadratura regole per le banche estere in India.

***

La crisi finanziaria globale ha significato Indiano i politici non devono preoccuparsi di riunione dell’OMC impegni per ramo di approvazioni (12 all’anno). Dal 2005, l’approccio è stato quello di avere banche estere forma di società interamente controllate, o per la conversione filiali esistenti in una società. La RBI ha sottolineato, il post-crisi lezioni di supporto locale incorporazione di banche estere o subsidiarisation a causa di una più ampia base di capitale, locale consiglio di amministrazione, e per essere un’entità giuridica separata, a differenza di una filiale di una banca estera. RBI ha citato l’esperienza internazionale su come è difficile determinare il beni, che potrebbero essere disponibili nel caso di una banca estera non riesce a soddisfare le pretese dei creditori locali. Ma, soprattutto, ha colpito i politici che le banche straniere a vari cicli di crescita hanno ridotto le loro aziende in crisi o quando c’è crisi e il bisogno di credito è acuta. E, come diversi altri paesi, l’India ha cercato di limitare la quota di banche estere del totale attivo delle banche del paese a meno di un quarto.

In tutto il mondo, le regole sono rigide. In Australia, il regolatore di bar banche estere da accettare iniziale di raccolta di depositi o altri fondi di meno di $ 250.000 da tutte le fonti tranne pochi. L’obiettivo è quello di impedire loro di finanziare la loro attività di vendita al dettaglio di fonti, dato che sono al di fuori della competenza della locale Legge Bancaria. Singapore, una giurisdizione in cui le banche Indiane hanno una presenza significativa, troppo, ha molte limitazioni, Indiano banchieri punto. Nel regno UNITO e unione europea, il quadro normativo è sempre più stretto. I piani dell’UE per spingere le banche estere a trasformarsi in holding, che comporterebbe più capitale.

Ironia della sorte, come le banche private hanno aumentato la loro quota nel bancario Indiano negli ultimi dieci anni o giù di lì, il possesso di alcuni dei massimi banche private è cambiato. Un problema importante, di recente è stato oltre che per classificare un paio di tali banche di proprietà estera. Che è come il pendolo ha oscillato.

shaji.vikraman@expressindia.com

Per tutte le ultime Spiegato News, download Indian Express App