Arte e Politica: «Il Congo-Tribunal» arriva al Cinema

0
8

Il Film documenta un aufsehenerregendes Progetto tra Arte e Politica. Lo Svizzero Milo Rau aveva il 2015, con la Guerra in Congo è occupato e la Questione della Giustizia in Centro.

Cosa si fa politicamente interessate Artista, quando un Soggetto Pubblico vuole portare? Girare un Film, uno spettacolo Teatrale di mettere in scena, Immagini o Sculture di creare una Canzone o un Libro da scrivere, ci sono diverse Forme di impegno artistico. Molti di questi Progetti si basano su una Volontà buona, fiasco, ma non di rado in Pubblico e rimanere senza un Impatto sostenibile. Soprattutto se in Europa gli interessati a Arte-resi pubblici, ma, in realtà con una questione che si è lontani da Casa che sta accadendo.

Confuso di Crisi: l’Est del Congo

Lo Svizzero Teatro e Allroundkünstler Milo Rau aveva altro in Mente, quando si trovò di fronte un paio di Anni più volte nella «Repubblica Democratica del Congo», ha viaggiato. Lì c’è già da circa due Decenni, una brutale Guerra, la Denominazione di «guerra Civile» se non addirittura più in forma che vuole, perché la Situazione è così confusa. In Ost-Province del Paese sono le forze Governative, dei Ribelli e di diverse Milizie di fronte. Per maggiori Protagonisti degli Scontri sono: le nazioni UNITE, Rappresentanti di diverse africana e le Organizzazioni internazionali e le grandi Aziende, le risorse minerarie della Regione sfruttare.

Milo Rau alla sua recente Azione del 7.11. di fronte al Reichstag di Berlino

L’Est del Congo, è considerato una delle risorse naturali più ricche Regioni del Mondo: Oro, Coltan, Cobalto e altri Minerali rari e Materie prime sul mercato Mondiale e ammirati, attirare gli Investitori stranieri e uomini d’Affari in Congo. In particolare, il boom del Mercato per Batterie per Cellulari, vuole essere servito. Il Paese è, di conseguenza, da Anni al Centro dell’Economia globale, con tutti i suoi diversi Attori. Per Milo Rau era, non da ultimo, questo è un Motivo, la Regione a occuparsi di loro.

Massacri di Civili, senza Educazione

Ruvido è stato durante la sua Recherchereisen Luogo di atroci Massacri della Popolazione di fronte, spingendo sui Crimini di inaudita Gravità. Da Anni perdurare del Conflitto nel Paese ha già sei Milioni di Morti, gli Esperti stimano i Termini «3. Guerra mondiale» o di «Guerra mondiale Africana» in Bocca, per le Dimensioni della brutale Scontro classificare. Il Fatale la Situazione: c’È di così bene, come mai non Condanne dei Colpevoli, una normale e di Giustizia, di modo che la Giustizia esistono nella contesa Regione.

Il punto di partenza di Milo Fuori «Del Tribunale» è particolarmente crudele Massacro della popolazione Civile

Per Milo Rau, che negli ultimi Anni più volte con le Conseguenze legali dei Conflitti politici artistico abbia esaminato, era il Punto di partenza: Ha chiamato il 2015, il cosiddetto «Congo-Tribunal», un immaginario Corte di giustizia, esclusivamente in realtà il Conflitto Attori mitmachten. Perché non ordinario nazionale o internazionale Tribunale lavorato, ha Svizzero per la «artistica» messa in Scena di un Justizverfahrens reali Attori!

«Größenwahnsinnigste progetto Artistico del nostro Tempo»

«Un Wahnsinnsprojekt! Dove la Politica fallisce, solo aiuta l’Arte», titolava il Settimanale tedesco «die zeit» in quel momento. Il britannico «The Guardian» ha scritto: «Uno dei più importanti Pezzi della politica, Teatro, mai è stato elencato.» E «Radio France International, ha commentato: «Il größenwahnsinnigste progetto Artistico del nostro Tempo». Questo «Processo», il 2015 in rapida successione, in Congo, e con altri Attori e Akzentsetzung anche tenutasi a Berlino, il Film documenta «Il Congo-Tribunale». Dopo la sua anteprima Mondiale al Festival di Locarno, arriva ora nelle sale Cinematografiche.

Durante la repubblica democratica del Congo, Tribunal, ci sono — come nel caso di reali Udienze — Imputato e Magistrati, Testimoni e Difensori

Per le sue Motivazioni artistico-Progetto politico senza Modello ha espresso Ruvida 2015 in un Colloquio con la Deutsche Welle: «la Cosa che mi ha politicizzato, è semplicemente la Realtà in cui viviamo — completamente diversa scala di valori, per l’Europa e l’Africa. Ma il Congo non è, inoltre, Planet, nell’Essenza di vita, che non hanno Diritto alla Felicità. Mi devo impegnare, non riesco a delimitare, altrimenti sarei un pazzo.»

Europea Mitverwantwortung per la Guerra in Congo

In particolare, i Coinvolgimenti außerafrikanischer Attori in Conflitto di interesse. Per Milo Rau costituisce il Congo-Conflitto i Problemi strettamente interdipendente e globalizzato dell’Economia: «In Regioni come l’Est del Congo, i numeri, le Persone, la Fattura di quello che abbiamo qui in Europa la qualità della Vita di acquisire, se abbiamo Materie prime come il Coltan abbattere, se ci Monocolture per il Biodiesel piante.»

Questo è anche il suo Interesse personale dovuta: «penso che sia necessario, per l’Attore. Se poi mi chiede: «che Cosa hai fatto, sei Milioni di Persone in Congo sono morti?’, poi non voglio dover dire: ‘Ho a Parigi, un Romanzo di Michel Houellebecq dekonstruiert.'»

Tra le Scene del Processo ha Milo Rau Colloqui con la Popolazione interessata assemblate in Loco

Chi è un «po’ di morale Restanstand», che deve essere attivo, deve interferire, questo il Credo dell’indaffaratissimo Svizzero Theatermannes politico e morale di Diritto: «L’Economia globale richiede globale di Arte.»

Milo Esce più giovane Azione

Questa affermazione Arte e la propria Morale, anche un paio di Giorni a Milo Esce ultimi Arte-Azione di nuovo visibile. A Berlino aveva Svizzera con altri Attivisti tre Giorni un «parlamento mondiale» ha lanciato un’Azione, in un simbolico «Tempesta sulla dieta»). Deputati 20 Paesi avevano in precedenza in «Schaubühne di Berlino,» il Futuro della Umanità si dibatte. Per Concludere l’Azione annunciata «Carta per il 21. Secolo» è stato, però, solo una volta rinviata. C’è ancora la Discussione e il Abstimmungsbedarf, un Portavoce per l’Azione. Sembra che anche nel mondo dell’Arte di Milo Rau non sempre tutti sono in sintonia.

Milo Esce il Diritto all’Arte è saldamente ancorata nella vita politica: La «Tempesta sul Reichstag, il 7.11.2017 a Berlino

La sua ora nei Cinema di lancio del Film «Il Congo-Tribunale» sembra Milo Rau, invece, come successo artistico e politico Performance: «Nel Film sono tutti i miei Interessi, ma anche tutti i Formati, riunita a me negli ultimi 15 Anni agapi». Era un «theatrales Tribunal, ma tutto vero: da Minatori attraverso i Ribelli e cinico Ministro fino all’Avvocato dall’Aia giocare a tutti i Partecipanti nient’altro che se stessi.» Così sia scaturito qualcosa «che in realtà è un documentario, non è rappresentabile: un Ritratto dell’Economia mondiale, molto concreta Analisi di tutti i Motivi e Sfondi, che causano la guerra Civile nell’Est del Congo da oltre 20 Anni, non si ferma. E chi ha Interesse che resti così.»

Il Film inizia il 16.11. a livello nazionale nelle sale Cinematografiche. L’Intervista per la Deutsche Welle nel 2015 ha Dirke Köpp. Le attuali Dichiarazioni di Milo Rau apparso per la attuale fase di Lancio.